A confronto Goldrake era un dilettante

Adesso con le pistole Taser è possibile salvare centinaia di vite umane dai conflitti a fuoco. E’ l’arma del futuro che farà parte della dotazione da difesa e offesa di tutte polizie di tutto il mondo. Nel frattempo il Parlamento europeo si è dichiarato contrario all’intelligenza artificiale per la sorveglianza di massa ad uso delle Forze dell’Ordine.

Chi è stato bambino nella seconda metà degli anni ’70 ricorderà certamente il cartone animato Goldrake o meglio Atlas UFO Robot che ebbe un notevole successo. Soprattutto la sigla della versione italiana, che fu tra i singoli più venduti della hit parade.

Riportiamo alcuni frammenti del testo che ci aiuterà a comprendere meglio di che cosa stiamo parlando:

Ufo Robot si trasforma in un razzo missile, con circuiti di mille valvole tra le stelle sprinta e vaMangia libri di cibernetica, insalate di matematicaE’ un miracolo dell’elettronica, ma un cuore umano haRaggi laser che sembrano fulmini, è protetto da scudi termiciQuando schiaccia un pulsante magico lui diventa un ipergalattico e lotta per l’umanità…”.

Ora, siamo nel 2021 ed anche il nostro Paese si doterà di una arma molto simile a quella della canzoncina. Si tratta del taser, acronimo inglese di Thomas A. Swift’s Electric Rifle (trad. il fucile elettrico di Thomas A. Swift). E’ chiamato anche pistola elettrica o storditore elettrico, un dispositivo classificato come arma non letale che fa uso dell’elettricità per impedire il movimento del soggetto colpito facendone contrarre i muscoli.

Ora quest’arma sarà a disposizione delle Forze dell’Ordine italiane. L’azienda vincitrice dell’appalto è la Axon Italia, il cui amministratore delegato Loris Angeloni ha anche accennato alla tecnologia face recognition (riconoscimento facciale) per le tecnologie body camp (campo del corpo) adottate da 18mila dipartimenti di polizia in tutto il mondo.

Al momento, però, il Parlamento Europeo ha espresso il suo no all’impiego dell’intelligenza artificiale per la sorveglianza di massa ad uso delle Forze dell’Ordine.

Ma Axon Italia fornisce le body cam (telecamere portatili indossate dagli agenti prima di entrare in azione) il software, l’accesso al sito su cui vengono memorizzate le immagini e i droni da utilizzare per pattugliamenti dall’alto, a molti corpi di vigilanza privati e soprattutto a 150 comandi di polizia municipale

L’ultima versione di body cam è dotata di intelligenza artificiale, che è in grado di attivarsi in autonomia se sente uno sparo e se riconosce oggetti e persone. Ha anche la funzione di trascrivere sotto forma di testo le conversazioni ascoltate dall’agente che la indossa. In questa situazione appare evidente che è sempre più labile il confine fra gioco e realtà.

In ultima analisi lo scopo dell’azienda, oltre che ricavarne giustamente profitti, è anche salvare vite umane e ridurre, se non annullare del tutto, l’uso delle armi. L’obiettivo, infatti, è di avere solo armi non letali nei prossimi 10 anni.

Da questo punto di vista le statistiche di Axon ci informano che nell’ultima decina d’anni la pistola elettrica è stata usata oltre 4,3 milioni di volte in tutto il mondo e solo negli USA avrebbe salvato oltre 235 mila persone da ferite gravi, gravissime o mortali, fornendo ai poliziotti un’alternativa all’uso di armi da fuoco o manganelli.

Inoltre, in uno studio condotto su 1200 interventi, il taser avrebbe impedito ferite gravi nel 99,75%. Un vero miracolo, tanto che UFO Robot sembra un dilettante a confronto. Indubbiamente dal punto di vista meramente tecnico-pratico tutte queste novità tecnologiche possono risultare utili in molte occasioni.

Si pensi agli USA, nazione dal grilletto facile, anche per il libero accesso all’acquisizione di armi e per gli eccessi delle forze di polizie nei confronti di manifestanti.

Potrebbero limitarsi ad utilizzare il taser e non andare oltre, si spera. Comunque, è questo eccesso di tecnologia e la troppa fede negli algoritmi ad essa legati, che stridono non poco con una società che intende considerarsi ancora umana.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa