Ancora elezioni, sta diventando una palla

Mentre il Bel Paese langue fra problemi di Green pass, vaccini, aumento dei contagi e milioni di persone che arrancano per mettere insieme pranzo e cena, nei palazzi del potere si parla ancora di elezioni. E si fanno pronostici e nuove alleanze che potrebbero trasformarsi in flop considerando i personaggi che ne fanno parte. Intanto si avvicina fine anno con tutte le sue scadenze politiche.

Roma – Ancora elezioni, è diventata una fissa bella e buona. Oltre che una lagna. Non si parla d’altro che di grandi manovre elettorali per le prossime amministrative e regionali di Primavera, in vista delle future elezioni nazionali del 2023. L’unione fa la forza dunque disperatamente cercasi “centrini o centristi” per individuare un’area di confino dove collocare sia la destra che la sinistra senza tanti complimenti.

Peraltro il fallimento dei partiti attualmente al Governo e all’opposizione appare ormai evidente. Tant’è che i due premier che si sono alternati nell’attuale legislatura non sono parlamentari. Così dopo l’avvento di Conte si è dovuti addivenire alla scelta di Draghi per pilotare efficacemente il transatlantico italiano verso le tanto desiderate riforme.

In Sicilia, invece, fa capolino l’unione di due partiti la cui denominazione è già un programma: “Forza Italia Viva”. Vedremo con quali risultati e se la cosa funzionerà davvero con due “galli” cosi ambiziosi e pieni di sé. Certamente l’alleanza tra Forza Italia ed Italia Viva potrebbe essere esportata a livello nazionale e diventare cosi strutturale. Ma sarà davvero cosi?

Matteo Renzi e Gianfranco Micciché

Il leader di Italia Viva sembra sondare un nuovo percorso, d’altronde all’ex premier l’alleanza del Pd con il M5s non è mai piaciuta. L’idea è quella di stare al centro per togliere spazio all’estrema destra e tentare di vedere affondare la coalizione giallo-rossa. La Sicilia, pertanto, diventa un laboratorio politico per individuare un percorso centrista composto esclusivamente da “moderati”.

Il progetto tra Matteo Renzi e Gianfranco Micciché è quello di proporre un sindaco per Palermo e liste in comune alla Regione. Lascia perplessi il fatto che, durante l’ultimo vertice del centrodestra, si siano presentati solo i “sovranisti” della Lega e di FdI. Ma pare che i renziani Micciché e Cuffaro avrebbero già individuato un candidato per la Regione e per Palermo. Tanti sono i nomi. Di certo non c’è nulla, tranne la figura del fratello di Micciché che sembra più una provocazione che lavoro di condivisione.

Salvo Pogliese

Nel frattempo si è consumata la rottura tra il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, in quota a FdI ed i “salviniani”, a causa di una revoca assessoriale (Alessandro Porto) e delle dimissioni di un altro assessore (Fabio Cantarella), mentre l’ex leghista Francesca Donato si è candidata a Palermo.

Un’altra città dove l’accordo, tra moderati, potrebbe diventare realtà è Genova. Infatti proprio la nascita di “Coraggio Italia”, con Toti e Brugnaro, fa sembrare la strategia “centrista” più realista. Comunque tornando in Sicilia, l’obiettivo di Miccichè è “tutti dentro” cioè rimanere insieme con gli uomini di Renzi e Salvini.

Luigi Brugnaro e Giovanni Toti

D’altronde deputati vicini all’ex Premier toscano come Nicola D’Agostino e Edy Tamajo, eletti con la lista “Sicilia futura”, da tempo spingevano per un dialogo costruttivo e per loro si tratterebbe di un ritorno alla coalizione di centrodestra considerato che, rispettivamente, hanno iniziato il percorso “politico – elettorale” da quel versante.

D’Agostino deputato di Palazzo dei Normanni, catanese (di Acireale), era infatti tra i “lombardiani” (ex Mpa e Udc), ed il deputato regionale palermitano Tamajo (ex Grande Sud), invece, nei “forzisti”. Anche se Renzi ha ultimamente affermato che non è disponibile in Sicilia a fare alcun patto con la destra. Insomma solo prove di un grande centro che forse non è destinato a realizzarsi.

Silvio Berlusconi

Dopo il rullo compressore di “Mani Pulite” che aveva steso per terra diversi partiti, il Pd è stato l’unico a rimanere a galla e sembrava destinato a prendere le redini del Paese. Ma l’intuizione di Berlusconi, quella di creare un argine alla sinistra, lo portò a realizzare “Forza Italia”, il movimento che all’epoca provocò scompensi all’intero sistema politico italiano ridefinendo partiti e schieramenti.

Dopo la comparsa del “rottamatore Renzi, l’avvento del M5s e adesso di Draghi, c’è chi spera di ricomporre un elettorato moderato su cui contare nel momento opportuno. Sogno o possibile realtà? Siamo messi ancora troppo male per dare una risposta.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa