HOME | LA REDAZIONE

Il più fedele amico dell’uomo ama viaggiare in tram e metro. Adesso anche in traghetto

Sembra una storiella inventata di sana pianta invece è la verità. Il cane in questione rappresenta una rarità in assoluto. E’ buono, caro e socievole con i suoi “colleghi” pendolari. Si presta alle foto e non c’è social turco, ma anche internazionale, che non lo ritragga assieme ai passeggeri dei mezzi pubblici. Da quando utilizza anche il traghetto è diventato famoso e non si scompone affatto fra un croccantino ed un selfie.

Roma – Ci sono notizie a cui si fa fatica credere, tanto sono bislacche e inconsuete. Nell’autunno scorso una di queste è balzata agli onori della cronaca, o quanto meno della rubrica “fatti curiosi”. Da qualche tempo, a Istanbul, capitale turca, un cane randagio è diventato la mascotte dei viaggiatori che frequentano i mezzi pubblici. Ormai è diventato un compagno di viaggio abitudinario di tram e metro.

Boji, il cane pendolare

Boji (questo il suo nome) è diventato il protagonista di tanti scatti social che riempiono gli smartphone della moltitudine di cittadini, che non riescono a fare a meno di questi dispositivi, tanto da diventare un tutt’uno. Boji è un incrocio tra un cane pastore e un Sivas Kangal. Quest’ultimo è un cane da guardia del bestiame, originario dell’Anatolia (Turchia centrale) che era particolarmente diffuso tra la popolazione di Sivas, città turca capoluogo dell’omonima provincia.

Per i viaggiatori non è più una sorpresa viaggiare in compagnia dell’insolito “ospite”. Boji è diventato un frequentatore abituale come un qualunque pendolare, una presenza fissa delle linee urbane. Per questi motivi è stato tracciato dalle autorità locali che gli hanno applicato un localizzatore. I dati registrati sono sorprendenti: il quattro zampe si è dimostrato un vero “atleta“. Il simpatico animale, infatti, è in grado di percorrere una media di oltre 30 chilometri al giorno, per circa 29 fermate, spostandosi per la città e cambiando mezzi di trasporto.

Boji, il cane randagio che ama viaggiare sui mezzi pubblici

Andando su e giù, a zonzo per la città, il nostro eroe entra in contatto con altri viaggiatori e con i suoi simili. La sua indole è tendenzialmente anarcoide, tanto da andare in giro in completa solitudine. E per fare questo, ha mostrato di possedere anche una certa abilità negli spostamenti. Boji ha mostrato di essere molto arguto e di sapersela cavare in autonomia tra metropolitane e treni.

Com’era ovvio che fosse in queste scorribande il cane ha suscitato le attenzioni dei viaggiatori, a cui lui non si sottrae affatto, anzi. Le foto e i video postati sui social ne hanno fatto diventare un primo attore assoluto. Ormai è una delle attrattive principali di Istanbul e, ultimamente, è stato avvistato finanche sul traghetto della città. Roba da non credere.

Boji, l’amico a quattro zampe, si gode il sole sul traghetto di Istanbul (Foto Chris McGrath)

Un aspetto simpatico di questa storiella è che il cane, a furia di salire e scendere tra tram e metro, è diventato un fedele esecutore delle regole di comportamento in vigore sul trasporto pubblico. Ad esempio, gira voce che si sposta per lasciar scendere i passeggeri alle varie fermate, aspettando con pazienza che tutti siano saliti primi del suo accesso sul vagone.

Sembra proprio unviaggiatore modello” che, ligio al protocollo, aspetta con pazienza certosina il suo turno lungo la banchina e, nel frattempo, si gode pure il sole, quando c’è bel tempo.

Boji il vagabondo, il cucciolone che viaggia comodo

Pare che la linea della metropolitana di Istanbul che lui preferisce sia la M4, che da quando c’è Boji è anche la più affollata. Altro che vita da cani: ce ne fossero di viaggiatori così, è proprio il caso di dirlo! Anche una notizia all’apparenza così banale è, invece, testimonianza di una simpatica nota di costume.

Una di quelle situazioni che sembrano partorite dalla vivida fantasia di qualche scrittore e che per un tocco di magia sono diventate realtà tangibile. Un piccolo episodio che è riuscito, forse, a strappare con fatica un sorriso a chi è annichilito dal duro fardello della vita quotidiana!                                           

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Stampa