Una coltellata al cuore per sfogare la sua rabbia

L’uomo era tornato a casa tardi e la compagna lo ha aggredito con un coltello dopo l’ennesima lite furibonda. Un fendente al petto ha ucciso sul colpo la vittima con la quale la compagna era ai ferri corti ormai da mesi.

Trapani – Per l’omicidio di Cristian Favara, 45 anni, ex ristoratore, ucciso la notte scorsa a Trapani, i carabinieri hanno arrestato la compagna e convivente, Vanda Grignani di 36 anni, che dopo un primo interrogatorio avrebbe confessato il delitto. La vittima, con precedenti penali per droga e omicidio colposo, aveva l’obbligo di rientrare in casa alle 23. 

Vanda Grignani

Ieri sera l’uomo sarebbe tornato in ritardo nella propria abitazione e la convivente, forse pensando male e colta da una crisi di rabbia, avrebbe innescato una lite che si sarebbe conclusa con una coltellata letale al cuore. Favara, stramazzato sul pavimento in un lago di sangue, sarebbe spirato quasi subito. Inutili i soccorsi chiamati dai vicini. La presunta assassina si trova reclusa al Pagliarelli di Palermo a disposizione dell’autorità giudiziaria. La donna aveva annunciato l’omicidio sul suo profilo Facebook.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa