Omicidio stradale per il presunto assassino

La tragedia che si è consumata a Biandrate presenta diversi aspetti ancora poco chiari che gli inquirenti stanno verificando. L’autista rimane in carcere in attesa della convalida dell’arresto.

Milano – Si svolgerà domani 21 giugno l’udienza di convalida dell’arresto per Alessio Spasiano, 26 anni, il camionista che ha investito e ucciso il sindacalista Adil Belakhdim durante un presidio di lavoratori a Biandrate, nel Novarese.

Le accuse per il camionista campano sono di omicidio stradale (che contempla anche l’omissione di soccorso) e resistenza a pubblico ufficiale. La Procura della Repubblica di Novara sta valutando due aspetti fondamentali della vicenda: quanto l’autista fosse consapevole del rischio della manovra compiuta e le motivazioni dell’allontanamento dal luogo dell’incidente. Intanto le proteste dei lavoratori e dei sindacati continuano in tutta Italia.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa