PALERMO – BOSS TRADITO DAL PRANZO DI PASQUA: DOPO LA CASSATA I CARABINIERI

Il mafioso di spicco, finito dietro le sbarre con i suoi sodali, avrebbe avuto interesse a mettere le mani in affari locali anche con imprenditori stranieri che intendevano investire cospicui capitali in Sicilia nel settore delle costruzioni e nel comparto turistico-alberghiero.

Palermo – Dopo i Pupi ccu’ l’ova le manette dei carabinieri. Cosi è finito in galera Giuseppe Calvaruso, 44 anni, ritenuto il capo del mandamento mafioso di Pagliarelli che da tempo si era trasferito in Brasile. L’uomo, in buona compagnia, era tornato a Palermo come se nulla fosse, per festeggiare in famiglia la santa Pasqua. 

Tre giorni di Sicilia per poi ripartire alla volta dell’America latina dove Calvaruso coltiva i suoi interessi da malavitoso di spicco. Stavolta però le festività pasquali lo hanno tradito e mentre brindava con i suoi familiari sono arrivati i militari del Comando provinciale che, nel corso dell’operazione Brevis, lo hanno catturato senza colpo ferire.

Giuseppe Calvaruso

Con lui sono finiti dietro le sbarre Giovanni Caruso, 50 anni, Silvestre Maniscalco, 41 anni, Francesco Paolo Bagnasco, 44 anni e Giovanni Spanò di 59 anni, accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, lesioni personali, sequestro di persona, fittizia intestazione di beni, tutti reati aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose.

Il provvedimento è stato emesso dai Pm Federica La Chioma e Dario Scaletta, coordinati dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo. Per i carabinieri, Calvaruso sarebbe diventato il reggente del “mandamento” mafioso di Pagliarelli dopo l’arresto del boss Settimo Mineo, finito in cella due anni fa.

Il boss in caserma

Calvaruso da qualche tempo si era trasferito in Brasile delegando ai suoi fedelissimi la gestione gli affari delle “famiglie” a lui subordinate. Il suo diretto referente, durante la permanenza in Brasile, sarebbe stato Giovanni Caruso.

Prima di lasciare l’Italia il capomafia avrebbe mantenuto, attraverso riunioni e incontri anche in luoghi riservati, un ininterrotto collegamento con i vertici dei mandamenti mafiosi di Porta Nuova, NoceVillabate, Belmonte Mezzagno per la stipula di affari sporchi.

Nel ruolo di capo avrebbe risolto le controversie fra gli “affiliati” assicurando “l’ordine pubblico” sul territorio. Come deterrente l’uomo si faceva vedere spesso in giro poiché la presenza è considerata fondamentale quando si ricoprono incarichi di “vigilanza“.

L’arresto di Settimo Mineo
Il boss avrebbe perso parte ad un violento pestaggio in danno di un paio di persone che avevano consumato diverse rapine non autorizzate da Cosa Nostra. Una di queste pare in danno di un “protetto“, titolare di una rivendita di detersivi, che aveva subito due rapine nel giro di cinque giorni. Davanti al commerciante l’uomo avrebbe fatto dare una lezione corporale agli autori della rapina.

Come sarebbe emerso in un dialogo telefonico intercettato con Giovanni Caruso, Giuseppe Calvaruso avrebbe assicurato il mantenimento in carcere dei detenuti appartenenti alle famiglie mafiose del proprio mandamento per poi gestire, tramite prestanome, il controllo di attività economiche dentro e fuori il territorio di sua competenza.

Tutti gli uomini del boss in galera
Il boss pare avesse interesse nei riguardi di cospicui capitali appartenenti ad imprenditori stranieri. L’uomo aveva messo gli occhi su un grosso possidente di Singapore che era seriamente intenzionato ad investire milioni di euro in Sicilia nei settori edile e turistico-alberghiero
Ti potrebbe interessare anche —->>
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa