OPPIDO MAMERTINA – ZONA ROSSA A MESSIGNADI: SI RICOMINCIA IL CICLO INFERNALE. TROPPI CONTAGI

Le zone rosse saranno indispensabili laddove dovessero aumentare a dismisura i positivi dl Covid-19. Nel mancato rispetto delle norme di prevenzione si prevedono zone rosse a macchia di leopardo in tutta Italia.

Oppido Mamertina – Per gli abitanti della frazione di Messignadi è ricominciato il tragico lockdown. 13 nuovi contagiati, gli ultimi in ordine di tempo e con decine di persone in quarantena, hanno costretto il sindaco Bruno Barillaro a chiudere in zona rossa la frazione di concerto con le disposizioni regionali e nazionali. Il primo cittadino raccomanda di rimanere in casa e di rispettare le disposizioni di legge, soltanto cosi si potrà prevedere di riaprire una volta diminuite le infezioni:

Deserta la frazione calabrese.

Ti potrebbe interessare anche —->> BERGAMO – NON ERA COVID MA LEPTOSPIROSI. UNA MALATTIA ENDEMICA ANCORA PRESENTE E PERICOLOSA

“…Ricordo a tutti i cittadini di mantenere il distanziamento sociale – ha scritto il primo cittadino – di indossare la mascherina e di lavare e igienizzare spesso le mani. Vi invito a non farvi prendere dal panico e a rispettate scrupolosamente le suddette indicazioni e a prendere in seria considerazione le semplici pratiche personali di prevenzione, anche quelle che finora non sono state adeguatamente applicate. L’Amministrazione Comunale è costantemente informata sull’evoluzione della situazione e ha messo, e metterà in campo, tutte le azioni informative e operative necessarie per la gestione di questa complessa fase in sinergia con le istituzioni preposte. Vi ringrazio per la condivisione e per la collaborazione...”.

Sono previste altre zone rosse in tutta Italia. 

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

FERRAGOSTO ADDIO: VIRUS, CONTAGI E PROPOSTE INDECENTI. L’INFEZIONE GIRA COME UNA TROTTOLA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa