UNA GUERRA SILENZIOSA E’ IN ATTO: VINCERA’ IL NUOVO ORDINE COMUNALE, LA VERA RIPARTENZA

Vedremo se le indagini sulle morti sospette da inoculazione di vaccini non sicuri e dalla dubbia efficacia prenderanno la strada del rinvio a giudizio per omicidio colposo. La situazione è in costante peggioramento, fateci caso.

Siamo in guerra. Prendetene coscienza. L’Italia è sotto attacco. La guerra non si fa solo con le bombe, esistono varie strategie con cui si può conquistare e sottomettere una nazione. È la terza guerra mondiale, viene usato il virus per terrorizzare e manipolare i popoli da soggiogare.

Per occupare il territorio usano una fanteria di migranti clandestini. Una volta si cantava “Il Piave mormorò: non passa lo straniero“. Adesso lo straniero lo accogliamo, lo attendiamo con trepidazione e gli permettiamo di non rispettare le leggi.

Il Piave mormorò: non passa lo straniero…

Per destabilizzare la terra occupata fanno la propaganda del Terrore. Il braccio armato di questa guerra è la Comunicazione Controllata, cioè gestita dal nemico. Minacciano la nostra Libertà istituendo l’obbligo del vaccino.

Di fatto stanno attaccando l’esercito e le forze dell’ordine e anche medici, infermieri e operatori sanitari, costringendoli a vaccinarsi per indebolire i loro organismi e condizionarne le menti. Il ricatto è: “vaccinati o verrai radiato o sospeso senza stipendio“.

Si tratta di un vero scenario di guerra, con tanto di strategia bellica per sottometterci e fare piazza pulita della nostra gente, dei nostri diritti e anche delle nostre proprietà private. Il Papa ha dichiarato che condividere la proprietà non è comunismo, ma cristianesimo allo stato puro.

Il suo obiettivo è smantellare la Chiesa e togliere il diritto di proprietà privata spogliando l’Italia della propria cultura e religione cristiana. Io qualche dubbio sul suo essere cristiano ce l’ho. Voi?

Stanno azzerando il concetto di Patria mettendoci sotto un’unica bandiera, quella europea. Questa strategia è già stata applicata dall’Impero Romano. La medesima tattica per realizzare l’impero globale oggi la utilizza il Nuovo Ordine Mondiale, un’organizzazione politica, sociale, culturale a fin di male.

Io propongo il Nuovo Ordine Comunale a fin di bene. L’Italia ha 7914 Comuni e da ognuno di essi dobbiamo ripartire.

Cosa possiamo fare per non soccombere, difendere la nostra libertà e la nostra patria (che si chiama Italia e non Europa)? Bisogna iniziare a rendersi conto che siamo sotto attacco anche in assenza di un’esplicita dichiarazione di guerra.

In primis dovete attuare il risveglio della vostra coscienza, eliminare dalla mente il concetto di paura pronunciando la frase “Io non ho paura e poi attivarvi in una sana disobbedienza civile per la riaffermazione della propria libertà di pensiero, di movimento e d’azione.

Il Nuovo Ordine Comunale

Il motto è: disobbedire a prescindere, non importa a che cosa disobbediate, l’importante è disobbedire. Ad esempio andate in giro senza museruola, imitate il vostro cane! Il Sistema si crede onnipotente, questa convinzione ne causerà l’implosione.

Non ci vorranno anni, bensì pochi mesi, sta già accadendo agli “alti livelli” dove ci sono due correnti, una del Bene e l’altra del Male. Chi l’avrà vinta? Tutto dipenderà dalla parte in cui ti schieri.

Invito a riflettere chi ancora nega questa guerra e non si è accorto che vige la legge marziale. La legge marziale è un sistema di governo in cui le norme ordinariamente in vigore in uno Stato vengono sospese e altri poteri prendono il controllo dell’amministrazione della giustizia.

Vedremo se le indagini sulle morti sospette da inoculazione di vaccini non sicuri e dalla dubbia efficacia prenderanno la strada del rinvio a giudizio per omicidio colposo.

Ci auguriamo che tutto non finirà in una bolla di sapone perché il potere planetario assoggetterà anche gli inquirenti più coraggiosi. E’ guerra, gente, bisogna correre ai ripari.

 

Ti potrebbe interessare anche—->>

NON MASCHERATEVI QUANDO E’ CONSENTITO: LA DISOBBEDIENZA CIVILE VINCERA’ SUL REGIME ASSOLUTISTA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa