Una giornata per non dimenticare i rifugiati

Migliaia e migliaia di persone scampate alle torture, persecuzioni e morte non dimenticano le loro origini e sono tutelate da norme che i Paesi ospitanti debbono rispettare. Stessi obblighi sono richiesti agli ospiti nei riguardi delle nazioni che hanno aperto loro le porte. Manifestazioni culturali e iniziative sociali in tutta Italia.

Roma – Oggi viene celebrata la Giornata Internazionale del Rifugiato, conosciuta anche come Convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati, ovvero un trattato delle Nazioni Unite che riconosce a queste persone i propri diritti e le proprie responsabilità all’interno dei Paesi ospitanti.

La Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato è stata istituita nel 1914 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con Risoluzione A/RES/55/76 del 4 dicembre 2000 e venne celebrata per la prima volta il 20 giugno del 2001.

Ogni anno l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) seleziona un tema comune per disporre gli eventi celebrativi in tutto il mondo.

L’assemblea generale delle Nazioni Unite (United Nations General Assembly UNGA) è l’organo istituzionale che rappresenta le Nazioni Unite ed ha delle funzioni consultive. E’ presieduta da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite che hanno il compito di esaminare i princìpi generali dell’assemblea al fine di avere un quadro chiaro e completo sullo status dei rifugiati e capire se è opportuno intensificare gli sforzi per prevenire e risolvere i conflitti onde contribuire alla pace e alla sicurezza dei rifugiati tramite il Consiglio di Sicurezza.

Il 20 giugno è la giornata che ricorda la forza, il coraggio e la determinazione di milioni di rifugiati e richiedenti asilo con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla loro condizione di persone costrette a lasciare la propria casa ed i propri affetti per fuggire da guerre e violenze non dimenticando che dietro ognuno di loro ci sono storie di sofferenze, umiliazioni ma anche di chi è riuscito a ricostruire la propria esistenza portando il proprio contributo alla società che lo ha accolto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa