CATANIA – CELEBRATO A SCUOLA L’ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLE ISOLE MAURITIUS

Le isole Mauritius sono da anni una repubblica e la commemorazione a ricordo dell'indipendenza non a caso si è svolta in una scuola di Catania dove la comunità locale ha manifestato il proprio plauso per le iniziative di inseganti e bambini.

Catania – Gli abitanti delle Isole Mauritius nell’Oceano Indiano, il 12 marzo 1968, conquistarono l’indipendenza e costituendo la Repubblica di Mauritius.

L’evento è stato celebrato ieri 12 marzo presso l’Istituto San Vincenzo, nel rispetto delle norme di prevenzione Covid, con il coinvolgimento dei bambini, i quali hanno preparato canti e bandiere, con la guida degli insegnanti Francesca Vasta e Antonio Amato. L’ambasciatore Davide S. Ramboll, mediatoremauritus, ha ricordato gli eventi storici del suo Paese, ripercorrendo il cammino verso l’indipendenza.

L’arcipelago che i Portoghesi scoprirono nel 1505 e chiamarono “Isola del Cigno” era stata abitata prima dagli olandesi, i quali diedero appunto il nome di Mauritius, in onore del principe Maurizio di Nassau. Nel 1715 i francesi ne presero possesso, ribattezzandola “Île de France.

Danze tipiche delle isole Mauritius

Nel dicembre del 1810 le isole furono conquistate dagli inglesi e la definizione ritornò al suo originario nome olandese. Il 1º febbraio del 1835 l’amministrazione aboliva la schiavitù. Nel 1902 le isole diventarono repubblica nell’ambito del Commonwealth ed hanno sempre conservato una democrazia stabile, con elezioni libere e regolari, nel rispetto dei diritti umani.

L’esecuzione degli inni e lo scambio delle bandiere ha costituito segno di amicizia e di Cooperazione internazionale. La Comunità mauriziana residente a Catania ha adottato il percorso formativo di un bambino dell’istituto.

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

ROMA – SCUOLA E’ DIRITTO ALLO STUDIO E ALLE RELAZIONI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa