ROMA – COLLABORATORI SCOLASTICI: PREZIOSA RISORSA IN TEMPO DI COVID

Il lavoro dei collaboratori scolastici si rivela indispensabile per contrastare la diffusione del Covid nelle aule e rende la scuola un luogo piacevolmente pulito per il benessere di alunni e docenti

Roma – Osservando le scuole oggi, in tempo di Covid, forse l’unico elemento positivo è vederle pulite o meglio, più pulite di prima, disinfettate, igienizzate, in azione protettiva dai contagi del virus Covid-19.

Grande merito si deve attribuire ai Collaboratori Scolastici, componenti attivi della Comunità scolastica, dei quali si parla poco ma sono essenziali e preziosi per il regolare e buon funzionamento della scuola.

L’incremento del numero dei Collaboratori sollecitato dall’emergenza pandemica ha apportato nella scuola forze nuove e giovani, desiderose di lavorare e fare ben il proprio dovere sentendosi parte attiva della Comunità scolastica, quasi veri “azionisti” nell’impresa cooperativa della scuola, che cresce in relazione alla sempre migliore qualità ed efficienza dei servizi.

L’assunzione nei ruoli di nuovi collaboratori provenienti dalle aziende che avevano prima i contratti di pulizia delle scuole, ha facilitato il compito di un più attento servizio di pulizia reso urgente delle norme di prevenzione del Covid-19.

I collaboratori scolastici sono risorse preziose per alunni e docenti

La loro presenza e la loro qualificazione professionale ha positivamente contagiato il personale in servizio e i nuovi assunti a seguito dell’ampliamento dell’organico dei Collaboratori e si auspica che non resti collegato alla crisi pandemica ma che il personale assunto resti in servizio nella scuola anche dopo la fase emergenziale della crisi sanitaria.

Nelle scuole di oggi, grazie al Covid, il numero dei Collaboratori è aumentato e tanti lavori si possono portare a compimento con maggiore efficacia.

I genitori che hanno la possibilità di visitare la scuola, in occasione degli Open day, osservano i particolari, la pulizia e l’ordine dei corridoi e delle aule, l’igiene dei bagni, mentre nell’era ante Covid erano spesso inguardabili, con porte rotte, rubinetti inefficienti, lavandini sporchi e con pesanti incrostazioni di calcare.

Una scuola pulita e accogliente costituisce un positivo biglietto da visita, una vera carta d’identità che introduce alla qualità e ricchezza di progettualità didattica che il corpo docente mette in atto.

La necessità di coinvolgere i collaboratori nell’azione della scuola, rendendoli informati e participi ai molteplici progetti messi in atto per il benessere degli studenti, sollecita una convergente azione di gratificazione per il lavoro svolto ed un costante sostegno per essere più efficienti e diligenti nel servizio.

In un recente corso di formazione per i collaboratori è stata condivisa la domanda Come facciamo a collaborare se non conosciamo quel che la scuola progetta?

A questa richiesta si risponde con il gesto, non solo simbolico, di consegnare ai Collaboratori scolastici il Piano Triennale dell’Offerta Formativa, il “documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale della scuola” elaborato dal Collegio Docenti e approvato dal Consiglio d’Istituto.

Nella scuola, comunità educante, questo gesto di attenzione e di coinvolgimento dei collaboratori sollecita il dovere alla cooperazione, alla costruzione dell’azione educativa e formativa attraverso il proprio ambito e settore.

Coinvolgere i Collaboratori scolastici significa renderli coprotagonisti nel processo educativo, in quanto “tutti coloro che operano a scuola sono educatori” e testimoni di valori, con l’esemplarità del comportamento, del senso del dovere e del servizio attivo per far crescere la scuola e garantire una specifica identità.

 

Ti potrebbe interessare anche —->>  

ROMA – CONGRUA FETTA DEL RECOVERY FUND ALLA SCUOLA. AZZOLINA: NECESSARIO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa