Roma caput latrones et compromissis

La situazione della Città Eterna è allo sbando. Chiunque arriverà in Campidoglio avrà a che fare con mille problemi irrisolti. E non è certo tutta colpa di Virginia Raggi, beninteso. Troppi anni di malgoverno e di compromessi hanno fiaccato la volontà e la resistenza dei romani, ormai delusi e diffidenti.

Roma – I sindaci di Roma non hanno mai espresso una forte classe dirigente nazionale, dal dopoguerra ad oggi. È il destino di una città che concentra tutti i poteri, dal Parlamento al governo alla giustizia, al Vaticano, ai sindacati, corporazioni, logge massoniche e mafie.

Una città che nasce ingovernabile dove vince la divisione, la burocrazia, i sotterfugi.

Virginia Raggi

Le aziende municipalizzate romane sono ingestibili, per l’incontro-scontro di interessi tra le assunzioni per ragioni politiche e sindacali. Le grandi opere sono ferme, quelle edificate parzialmente hanno complete solo le facciate mentre le voragini delle strade, dalle consolari al centro storico, inghiottono passanti, scooter e automobili. Tanto per dirne una ormai diventata un luogo comune.

La programmazione regionale è solo virtuale, con sanità, trasporti, scuole in degrado. Personaggi che stravincerebbero come Giorgia Meloni, si guardano bene dal candidarsi. Preferendo le politiche al Campidoglio. E giustamente. Oggi anche un potere militare con carta bianca sarebbe fatto a pezzi.

Tutti i sindaci sono caduti nelle buche, non solo quelle stradali. I cittadini sono sfiduciati, delusi, senza alcun interesse nelle finte competizioni nelle quali i romani hanno sempre perduto. Da sempre.

Giorgia Meloni

Non è un problema di qualità dei candidati. Mancano le basi dei servizi pubblici locali, dell’identità cittadina che possiede la maggior parte dei beni culturali del mondo intero. Tutti i cittadini capitolini potrebbero vivere con redditi svizzeri, con un minimo di valorizzazione turistica e degli altri comparti recettivi. Ma alla classe politica non importa nemmeno questo.

Parlare di Roma oggi e di chi andrà a governarla significa perdere tempo. E farsi il sangue acqua, come si dice.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa