POLMONI PIU’ SANI CON LE FRAGRANZE NATURALI

Poche gocce danno una bellissima sensazione di leggerezza respiratoria infatti queste fragranze rendono i polmoni più funzionali e sani, il loro profumo stimola il nostro umore specie quando siamo nervosi o depressi

La primavera è arrivata ma le giornate sono fresche. In attesa che si spalanchino le finestre è buona cosa profumare l’ambiente con incensi e profumi naturali, anche perché tutti gli altri sono quasi sempre derivati del petrolio. Alcune essenze naturali hanno anche una funzione igienizzante, come il timo, l’origano, i chiodi di garofano ed altri di minore capacità antibiotica ma anche antivirale. Sono numerose le persone che hanno in casa diffusori ad ultrasuoni in cui inseriscono acqua e profumi ma pochi sanno che questo apparecchio può essere utilizzato come quello per l’aerosol ovvero aspirando i vapori vicino al nebulizzatore. In questo modo non occorre comprare l’apparecchio specifico quindi non lo usate solo quando avete la bronchite.

 

La formula terapeuticamente migliore per fare un ottimo suffumigo è questa: una goccia di origano o di timo, due di garofano e tre di eucalipto, e magari due di menta. In tempi in cui 49.000 persone in Italia muoiono ogni anno di batteri resistenti agli antibiotici, gli oli essenziali sono strumento terapeutico importante perché i microbi non riescono ad adattarsi geneticamente a questi farmaci naturali. Usarli anche solo in via preventiva diventa interessante, oltre che piacevole. L’efficacia antibiotica importante è limitata in realtà a pochi oli, anche se quasi tutti danno un qualche risultato. I più gradevoli, senza costi eccessivi, sono l’eucalipto, finocchio, geranio (buonissimo), pino, lavanda, anice, arancio dolce, eucalipto, lemongrass, mandarino e menta. Poche gocce danno una bellissima sensazione di leggerezza respiratoria infatti queste fragranze rendono i polmoni più funzionali e sani, in oltre l’ottimo profumo stimola il nostro umore specie quando siamo nervosi o depressi. Ci sono anche i diffusori a candelina ma non bruciano bene la “cera” chimica perché la fiamma è troppo piccola e le sostanze incombuste sono sempre un po’ tossiche.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa