Lavoratori della sanità privata in sciopero

MILANO – OSPEDALITA’ PRIVATA E ISTITUTI SOCIO-SANITARI SENZA CONTRATTO. PRIMA EROI, POI COMUNI MORTALI.

Quando si tratta di contratti e soldi c'è chi fa le orecchie da mercante anche con chi, durante la pandemia, si è comportato come un angelo sacrificandosi in favore dei malati di Covid. Oggi si ritrovano senza contratto e con un futuro nebuloso. La legge dell'usa e getta.

Milano – Se questa epopea lunga 14 anni fosse un film, probabilmente si intitolerebbe “Una volta erano eroi”. Non è bastata la pandemia, le migliaia di morti, gli appelli dei medici e gli scandali sui tagli alla sanità pubblica, quando si parla di profitto e di contratti, anche gli eroi diventano comuni mortali. Da qualche giorno le segreterie provinciali della Funzione pubblica di Cgil, Cisl dei Laghi e Uil hanno denunciato il mancato accordo per la stipula del contratto collettivo nazionale della sanità privata. Non è bastato l’intervento del ministero della Salute e della Conferenza delle Regioni che si erano mostrati pronti a finanziare il 50% del costo contrattuale, la risposta dell’Aris (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari) e Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) è stata negativa. Eppure,solamente lo scorso 10 giugno l’accordo sembrava ormai cosa fatta:

Una delle tante Aris disseminate in Italia
Una delle tante Aris disseminate in Italia

Ti potrebbe interessare anche ———->>I REAGENTI SONO IL VERO PROBLEMA. E IL VERO AFFARE.

“…Dopo aver condiviso la preintesa lo scorso 10 giugno – ha dichiarato tramite Facebook Manuela Vanoli, segretaria generale Fp Cgil Lombardia -, frutto di tre anni di dure trattative, AIOP e ARIS si sono rifiutate di siglare definitivamente il contratto nazionale della sanità privata, atteso dalle lavoratrici e dai lavoratori da 14 anni. Questo rifiuto delle controparti datoriali è gravissimo e intollerabile: per questo verrà proclamato lo sciopero nazionale, per questo riparte la lotta per affermare, con tutta la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori, diritti e giustizia…”.

Manuela Vanoli

Ti potrebbe interessare anche ——–>>MILANO – IN PIAZZA I LAVORATORI DEL SAN RAFFAELE: EROI USA E GETTA.

A motivare il rifiuto della stipula, secondo i sindacati, ci sarebbero esclusivamente cause economiche, in particolar modo alla luce delle dichiarazioni di Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle regioni che recentemente ha ribadito il suo punto di vista: “…L’impegno delle Regioni e delle Province autonome a farsi carico del 50% dei costi del rinnovo contrattuale con un mix di interventi individuati a livello territoriale relativi ai budget e alle tariffe, affinché non si registrino ulteriori ritardi…”. Parole che sembrano essere ormai lettera morta, nella considerazione che nella realtà dei fatti non hanno portato a nessun avanzamento nella contrattazione.

“…In Lombardia (la trattativa ndr) sta assumendo i contorni della beffa grottesca. Dopo il Covid – continuano i sindacati nel documento – dopo i contagi, dopo i morti, sembra vincere ancora il profitto e l’interesse economico. Il tempo degli eroi sembra passato. Non intendiamo rassegnarci alla vergogna di questa vicenda. Per questo motivo a livello nazionale ci stiamo battendo perché, in caso di mancato rinnovo, non vengano riconosciute le maggiorazioni nelle fatturazioni a rimborso delle prestazioni erogate…”

Ti potrebbe interessare anche ——–>>MONTECCHIO EMILIA – 5 PERSONE INDAGATE PER LA MORTE DI 18 ANZIANI.

PADOVA – GLI OPERATORI SOCIO SANITARI DELLA CODESS SUL PIEDE DI GUERRA. COME IN TUTTA ITALIA.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa