MILANO – NO AL MES PER IL PARTITO DI GRILLO. ALBERTI: CESSIONE DI SOVRANITA’ ALL’EUROPA.

Da Milano a Roma i Pentastellati dicono no Al Mes: inadeguato e malfunzionante. Insomma una misura economica a cui è meglio rinunciare per non ipotecare il futuro del già claudicante Bel Paese.

MilanoLa diatriba intorno al Mes continua a infiammare la politica italiana senza riuscire, però, a mettere le parti in gioco d’accordo. I due partiti di governo appaiono divisi sulla questione degli aiuti, e più di uno tra i pentastellati ritiene questa misura inadeguata e malfunzionante.

Il consigliere regionale della Lombardia per i 5 Stelle, Dino Alberti, ha dichiarato che il Mes sarebbe tutt’altro che conveniente:“…Ha delle condizionalità intrinseche, non d’accesso ma d’uscita. Nella sua versione classica altro non è che una cessione di sovranità nei confronti dell’Europa da parte di quegli Stati che si trovano in difficoltà. Con condizioni chiare: la Commissione Europea potrà decidere in corso d’opera di applicare quello che prevede l’articolo 136 del Trattato di Funzionamento dell’UE che a proposito del MES parla di ‘rigorose condizionalità’ senza dimenticare che rimane in pieno vigore il c.d. ‘two pack’ ovvero il rafforzamento della sorveglianza economica e di bilancio da parte della Commissione sugli Stati Membri in odore di ‘instabilità finanziaria’ e che impone gli stessi riforme e austerity per prevenire disavanzi eccessivi e scostamenti dalle regole di bilancio…”

Dino Alberti
Dino Alberti

Ti potrebbe interessare anche ———–>>> ROMA – TUTTO RUOTA INTORNO AL MES. RIMANERE IN EUROPA SERVE ANCORA?

Secondo il pentastellato accedere al Mes, significherebbe dare un evidente segnale di crisi economica interna, alla quale la finanza e le borse potrebbero reagire in maniera selvaggia:…Lo strumento – continua Alberti – presenta poi un altro problema: accedere a un fondo salva stati significa dire al mondo intero che stiamo fallendo con conseguenze irrimediabili: spread alle stelle, stop agli acquisti ai titoli di stato e poi default. Non si tratta di essere ideologici, il MES è un debito e offre risorse del tutto insufficienti alla crisi che dovremmo affrontare. Il Governo ha brillantemente ottenuto il recovery fund: un piano da 750 miliardi di contributi a fondo perduto e prestiti comunitari proposto dalla Commissione Europea; la sua portata e la sua concezione di fondo, costituirebbe un supporto importante che permetterà il rilancio del nostro Paese e della Sanità pubblica lombarda. Che ne ha bisogno….”.

Ti potrebbe interessare anche ——————–>>>>> ROMA – RIFORMA DEL FISCO IN PRIMA LINEA. PER RIPARTIRE DAVVERO.

Ti potrebbe interessare anche ————————–>>>>> LA RIPARTENZA SARA’ FINANZIATA DAI CITTADINI EUROPEI? FORSE SI’

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa