MILANO – LAVORATORI FEDEX-TNT: PICCHETTI DI PROTESTA CONTRO 70 ESUBERI.

La grave situazione occupazionale post pandemia dilaga a macchia d'olio in tutta Italia. Si continua con esuberi e prospettive di chiusura delle attività produttive nonostante le più rosee prospettive del Governo.

Milano – Continuano le proteste dei lavoratori della Fedex-Tnt. Nella scorsa notte alcuni dipendenti della sede lombarda di Peschiera Borromeo, a San Giuliano, hanno indetto un picchetto per protestare contro la politica di esuberi che riguarda circa 70 lavoratori nonostante, come sottolineano i sindacalisti, vi fosse un accordo che ne prevedesse la stabilizzazione a partire da aprile.

Nella mattinata di oggi, invece, un’altra delegazione, con il sostegno del sindacato Si Cobas, si è radunata davanti alla sede romana del colosso della logistica per esprimere la solidarietà ai colleghi lombardi. Altri presidi sono stati convocati a Bologna, Piacenza e Napoli.

Sciopero nella sede lombarda della TNT

Ti potrebbe interessare anche ————->> GIAGLIONE – VAL DI SUSA: I NO TAV RIACCENDONO LA PROTESTA. STAVOLTA DALLA LORO CORTE EUROPEA E SINDACO DI LIONE.

La vicenda Fedex-Tnt è una di quelle che ha tenuto maggiormente banco durante le prime fasi post lockdown. Le immagini dell’occupazione dei magazzini della Fedex-Tnt e delle successive cariche della polizia hanno raggiunto le case di milioni d’italiani, obbligandoli, al confronto con i reali effetti dalla contrazione economica prodotta dal Covid-19. Alla base del malcontento dei lavoratori c’è la vertenza sindacale tra il colosso della logistica e 66 lavoratori interinali, soci di una cooperativa e gestiti da Adecco, che l’azienda ha deciso di lasciare a casa dopo aver promesso la loro assunzione.

Sciopero davanti alla sede romana della tnt

Ti potrebbe interessare anche ————->> PIACENZA – CARABINIERI COME TALEBANI: DROGA E ARRESTI ILLEGALI CON BOTTE E TORTURE. CASERMA SEQUESTRATA.

Le azioni di oggi arrivano a circa un mese dal presidio indetto dai lavoratori e dai SI Cobas sotto la Prefettura Milanese. In quella giornata, 24 giugno, una delegazione di manifestanti riuscì ad incontrare i rappresentanti della Prefettura per discutere della vertenza e per trovare un piano per arginare l’emorragia lavorativa. L’ufficio territoriale di governo aveva mostrato solidarietà verso le vicissitudini degli impiegati e rinnovando il proprio impegno per il ruolo di paciere:

“…Questa importante presa di posizione da parte della Prefettura – avevano scritto i rappresentanti del SI Cobas – è il frutto di molteplici fattori: in primo luogo dell’abnegazione dei lavoratori che in queste settimane non hanno mollato né ai ricatti padronali né alla dura repressione della polizia; in secondo luogo del sostegno di tutti i Cobas della filiera TNT che a livello nazionale hanno sostenuto la lotta in corso a Peschiera Borromeo; in ultimo, ma non in ordine di importanza, grazie a all’ampia rete di solidarietà messa in piedi attorno agli scioperi, che hanno potuto contare su una crescente partecipazione di studenti, realtà politiche e di movimento, singoli attivisti e sul sostegno nazionale delle realtà aderenti al Patto d’azione…”.

Sciopero Tnt a Milano

Ti potrebbe interessare anche ————->>ROMA – RISTORATORI SENZA CLIENTI? TROVATEVI UN ALTRO LAVORO. CASTELLI: MAI DETTO.

A un mese da quel comunicato però la soluzione non è stata ancora trovata e i lavoratori sono tornati a protestare contro la multinazionale americana. Quale sarà l’esito di quella che è diventata la vertenza più chiacchierata del post Coronavirus?

Ti potrebbe interessare anche ————->>FOGGIA – ARRESTATO PER SFRUTTAMENTO DEL LAVORO SETTIMIO PASSALACQUA, NOTO IMPRENDITORE LOCALE.

ROMA – SICUREZZA SUL LAVORO: USB CHIEDE NORME ANALOGHE ALL’OMICIDIO STRADALE. ANCORA TROPPI DECESSI.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa