HOME | LA REDAZIONE

Vaticano: il documento, “la teoria gender è pericolosissima, no a maternità surrogata”

Il testo dell’ex Sant’Uffizio: negativo il giudizio sul cambio di sesso, rischia di minacciare la dignità e sui gay, guai a discriminazioni.

Città del Vaticano – Resta negativo il giudizio del Vaticano sul cambio di sesso, che “di norma, rischia di minacciare la dignità unica che la persona ha ricevuto fin dal momento del concepimento” anche se “questo non significa escludere la possibilità che una persona affetta da anomalie dei genitali già evidenti alla nascita o che si sviluppino successivamente, possa scegliere di ricevere assistenza medica allo scopo di risolvere tali anomalie. In questo caso, l’intervento non configurerebbe un cambio di sesso nel senso qui inteso”.

Lo mette nero su bianco il documento del Dicastero per la Dottrina della Fede ‘Dignitas infinita’ presieduto dal cardinale Victor Fernandez che ha ottenuto l’ok del Papa, reso noto oggi in Vaticano, che presenta alcune ‘aperture’ ribadendo la ferma condanna per altre pratiche come la maternità surrogata, il suicidio assistito
e l’aborto. Il documento è il frutto di cinque anni di lavoro e include il magistero papale dell’ultimo decennio: dalla guerra alla povertà, dalla violenza sui migranti a quella sulle donne, dall’aborto alla maternità surrogata all’eutanasia, dalla teoria del gender alla violenza digitale.

L’articolata dichiarazione presenta, nel dettaglio, l’elenco di ”alcune gravi violazioni della dignità umana: tutto ciò che è contro la vita stessa, come ogni specie di omicidio, il genocidio, l’aborto, l’eutanasia e lo stesso suicidio volontario”; ma anche “tutto ciò che viola l’integrità della persona umana, come le mutilazioni, le torture inflitte al corpo e alla mente, le costrizioni psicologiche”.

E “tutto ciò che offende la dignità umana, come le condizioni di vita subumana, le incarcerazioni arbitrarie, le deportazioni, la schiavitù, la prostituzione, il mercato delle donne e dei giovani, o ancora le ignominiose condizioni di lavoro, con le quali i lavoratori sono trattati come semplici strumenti di guadagno, e non come persone libere e responsabili”. Viene citata la pena di morte che “viola la dignità inalienabile di ogni persona umana al di là di ogni circostanza”.

Si parla innanzitutto del “dramma povertà”, una delle più grandi ingiustizie del mondo contemporaneo”. Uno dei fenomeni che “contribuisce considerevolmente a negare la dignità di tanti esseri umani è la povertà estrema, legata all’ineguale distribuzione della ricchezza”. Come già evidenziato da San Giovanni Paolo II, “una delle più grandi ingiustizie del mondo contemporaneo consiste proprio in questo: che sono relativamente pochi quelli che possiedono molto, e molti quelli che non possiedono quasi nulla. È l’ingiustizia della cattiva distribuzione dei beni e dei servizi destinati originariamente a tutti”.

Secondo il Dicastero della Fede, sarebbe illusorio fare una distinzione sommaria tra Paesi ricchi e Paesi poveri: già Benedetto XVI riconosceva, infatti, che “cresce la ricchezza mondiale in termini assoluti, ma aumentano le disparità. Nei Paesi ricchi nuove categorie sociali si impoveriscono e nascono nuove povertà. In aree più povere alcuni gruppi godono di una sorta di supersviluppo dissipatore e consumistico che contrasta in modo inaccettabile con perduranti situazioni di miseria disumanizzante. Continua lo scandalo di disuguaglianze clamorose, dove la dignità dei poveri viene doppiamente negata, sia per la mancanza di risorse a disposizione per soddisfare i loro bisogni primari, sia per l’indifferenza con cui sono trattati da coloro che vivono accanto a loro”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Stampa