ROMA – VIA LIBERA DELLA CAMERA AL REATO DI OMOFOBIA: L’OPPOSIZIONE MINACCIA BARUFFE IN SENATO

Spetta alla scuola dell'obbligo spiegare alle giovani generazioni il rispetto delle diversità in tutte le loro molteplici sfaccettature.

Roma – L’omofobia diventa reato. Un primo passaggio parlamentare è stato fatto verso la definizione del reato in specie. Infatti la Camera ha approvato la legge per contrastare l’omotransfobia, la misoginia e le violenze contro le persone disabili. I sono stati 265, i no 193, gli astenuti 1. La legge va ora in Senato.

A ottenere il primo via libera è stato il testo di legge su Misure di prevenzione e contrasto alla discriminazione ed alla violenza per motivi legati al sesso, al genere, all’orientamento sessuale, all’identità di genere e la disabilità. Il testo legislativo, in sostanza, modifica i delitti contro l’uguaglianza previsti dagli articoli 604-bis e 604-ter del codice penale. E’ stata istituita anche la Giornata nazionale contro l’omofobia che si celebrerà il 17 maggio.

I giudizi sull’esito del voto sono contrastanti, infatti esulta il centrosinistra, mentre promette battaglia, in Senato, il centrodestra. La verità, come sempre, sta nel mezzo. Siamo di fronte a una legge le cui finalità sono del tutto condivisibili, infatti opporsi con forza alla discriminazione e alla violenza a causa dell’orientamento sessuale non è certamente un male ma attenzione a non trasformare in ideologia lo scontro culturale che rischia, in ogni caso, di apparire a senso unico. Il motivo è evidente.

Ogni questione decisa a proposito di sesso, orientamento sessuale e identità di genere apre scenari che vanno a intrecciarsi strettamente con l’antropologia della differenza sessuale e rende complicato separare le buone intenzioni dei legislatori dalle modalità con cui si esprimono questi obiettivi. Così appaiono comprensibili le perplessità e anche i timori per le eventuali ricadute culturali, che hanno accompagnato l’approvazione dell’articolo 6 che istituisce la relativa ricorrenza annuale in nome dell’omofobia. Disposizione questa che estende anche alle scuole elementari iniziative educative “contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia”.

Come si comprende bene proprio questo passaggio scolastico è molto delicato e meriterebbe ulteriore approfondimento, che in futuro affronteremo. Nella speranza che anche la cultura tout-court ritorni a scuola riappropriandosi del suo ruolo primario.

L’articolo 604 bis del codice penale aggiunge tra i reati di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa (punibili con la detenzione) anche gli atti di violenza o incitamento alla violenza e alla discriminazione “fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità”.

Il reato di omofobia è sanzionato, secondo l’articolo 604 bis del codice penale, con la reclusione fino ad un anno e sei mesi o con la multa fino a 6.000 euro. Inoltre è punito, con la reclusione da sei mesi a quattro anni, chi, in qualsiasi modo, istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi oppure fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere e sulla disabilità.

Ma non è finita. La legge, inoltre, modifica anche l’articolo 604 ter del codice penale, relativo alle circostanze aggravanti, aggiungendo anche l’omofobia e la disabilità tra i reati la cui pena è aumentata fino alla metà. Si rileva che anche l’articolo 90 quater del codice di procedura penale, secondo quanto approvato dalla Camera dei Deputati, è stato modificato.

Infatti considerate le condizioni di particolare vulnerabilità le vittime di un reato di discriminazione godono di particolari tutele e protezioni durante il processo. Prevista anche la nascita dei centri di antidiscriminazione, con uno stanziamento di 4 milioni aggiuntivi all’anno.

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

PADOVA – L’OMOFOBIA DILAGA IN TUTTA ITALIA. COPPIA GAY VITTIMA DI SEI BALORDI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa