METAL DETECTOR – PIRATE BLACK DEVIL: UN VERO PIRATA DIAVOLO NERO A 14 KHZ

Con un apparato cosi si può iniziare qualsiasi tipo di ricerca a basso costo. Una volta fatta l'esperienza necessaria il metal può servire come seconda macchina da non abbandonare, altro non fosse per la sua semplicità.

Ciao a tutti Amici e ben ritrovati anche questa settimana per la recensione del Pirate Black Devil. Gran bel metal detector analogico che funziona ad una frequenza di 14 kHz. L’apparato viene alimentato da 10 batterie da 1,2 V che garantiscono un esercizio continuativo della durata di 30 ore.

Il suo box comandi é composto da cinque manopole, un Jack per le cuffie e un pulsante per il bilanciamento che in breve vi descriviamo: partendo da sinistra in alto troveremo il Threshold comunemente chiamata soglia di suono, subito sotto abbiamo il Ground Balance che viene utilizzato per bilanciare il metal detector in maniera manuale, nel centro si trova il pulsante per il bilanciamento manuale o automatico. Sulla parte destra, partendo dall’alto, troviamo la discriminazione, la sensibilità e il volume/accensione.

Questo metal-detector analogico è veramente semplice da utilizzare e il suo costo molto contenuto lo rende un ottimo compromesso fra uno strumento amatoriale e una macchina professionale.

Abbiamo fatto qualche test in aria con qualche monetina e possiamo dire che il metal si comporta bene rilevando un Vittorio Emanuele a circa 40 cm. Dobbiamo però calcolare che sul terreno le cose cambiano di molto e le performance diminuiscono a seconda della mineralizzazione. Per le monete, però, non sbaglia un colpo a patto che non si pretendano profondità da Fossa delle Marianne!

Grazie per averci letto sin qui. Vi diamo il solito appuntamento per la prossima settimana con una nuova recensione. Seguiteci anche sul canale YouTube :https://www.youtube.com/channel/UCEGXVAaxKO_yu9_20qnyX_w

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa