L’ha ammazzata a coltellate senza un perché

I femminicidi sono in aumento e sempre più spesso manca un movente specifico. L’intolleranza estrema ed il bieco possesso della persona armano la mano di chi si ritiene appagato soltanto con l’eliminazione della persona a cui aveva giurato amore eterno. Il Codice Rosso dovrebbe avere un’applicazione più agile e tempestiva.

Cagliari – Il tragico copione è sempre lo stesso: un lui che uccide una lei. Poi c’è il movente. Spesso quello passionale domina sugli altri. Passione malata ovviamente e gelosia criminale. Poiché chi ammazza sa di farlo dunque il raptus o il cosiddetto colpo di follia sono solo barzellette spesso in uso alla difesa quando non si può inventare altro. Poi ci sono femminicidi ancora più squallidi. Quelli senza movente e che si raccontano in poche righe.

L’ennesimo femminicidio si è consumato a Quartucciu

Squallide anche queste. Cosi è stato per Angelica Salis, 60 anni, morta ammazzata nella sua casa che condivideva col marito a Quartucciu, nell’area metropolitana di Cagliari. Litigavano e litigavano, mentre lui lui la riempiva di botte. Anche l’ultima volta. La donna che fuggiva verso un bar per chiedere aiuto e lui che la inseguiva per menarla ancora. Poi sono tornati a casa. Sembravano più calmi. Hanno ripreso a litigare, da matti. Il marito, Paolo Randaccio di 67 anni, ha afferrato un coltello da cucina e l’ha colpita sei volte. Angelica è stramazzata sul pavimento dove è morta dissanguata.

Il pensionato ha poi telefonato alla caserma dei carabinieri dicendo all’operatore in servizio “…Ho ammazzato mia moglie. Venite…”. L’arresto, l’interrogatorio dei magistrati, il processo e il carcere per lui, il funerale per lei. Finita la storia. Miseramente. Il perché? Non c’è un perché. E in questa, ennesima tragica vicenda non c’è proprio uno straccio di spiegazione che possa lenire il dolore dei tre figli della coppia e dei parenti. Non c’era motivo.

E dice bene l’arcivescovo di Cagliari, monsignor Giuseppe Baturi, nella sua omelia: “…L’ultima parola deve averla la misericordia, non la violenza. C’è sgomento per questo atto di violenza avvenuto in un contesto familiare, proprio nella famiglia che è un luogo destinato a custodire la vita...”. Nella chiesa di San Piero Pascasio, a Quartucciu, c’erano oltre un centinaio di persone ancora incredule. Basite. Che si sono strette intorno ai familiari.

In chiesa anche il sindaco con gli assessori, anche loro senza parole:”...Eravamo presenti in forma privata – ha detto il primo cittadino Pietro Pisuvolevamo far sentire la nostra vicinanza e quella di tutta la comunità ai familiari della povera Angelica…“. Chiuso il sipario.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa