LA PARTITA DI PALLONE: TORNERÀ PRIMA O POI.

Il campionato di calcio si è fermato durante la Grande Guerra e dal 1943 al 1945 durante la guerra civile tra repubblichini e partigiani. E durante questa maledetta pandemia che ha lasciato a digiuno i tifosi di tutto il mondo

Il Coronavirus ha cambiato le nostre vite, ha letteralmente stravolto le nostre abitudini e ci ha costretto a rinunciare ai piccoli piaceri della quotidianità. Tra questi il calcio occupa un posto importante: la serie A, la Champions League, la squadra del cuore che scende in campo e ci regala emozioni ogni fine settimana e ogni mercoledì nelle coppe europee.

Il campionato di calcio si è fermato solo durante la Grande Guerra e dal 1943 al 1945 quando la guerra civile imperversava nel nostro Paese, diviso tra Repubblica sociale e Regno del Sud.

La pandemia ha imposto lo stop di tutte le attività sportive e anche il calcio ha dovuto adeguarsi: stadi chiusi, allenamenti sospesi, i fuoriclasse del pallone confinati sine die nelle loro abitazioni.

Il Grande Torino

Alcuni analisti individuano proprio nella partita di andata degli ottavi di finale di Champions League Atalanta/Valencia la causa dei contagi record nella città di Bergamo: 45 mila tifosi orobici su una popolazione di circa 120 mila hanno riempito lo stadio di San Siro e i risultati sono purtroppo davanti agli occhi di tutti. Oggi si parla di una ripresa graduale, prima degli allenamenti, dal 4 maggio, e poi delle partite a giugno rigorosamente a porte chiuse, limitando quindi la possibilità di contagio.

Il calcio non è solo uno sport, le squadre più importanti hanno bilanci milionari e devono salvaguardare il loro patrimonio, ci sono i diritti televisivi, le sponsorizzazioni, e soprattutto campioni che valgono decine di milioni di euro che si stanno svalutando a casa. La Uefa propone di terminare i campionati nazionali a giugno e luglio per poi dedicare il mese di agosto alle coppe europee.

Le squadre più interessate, come Juventus e Lazio, premono per la ripartenza (soprattutto la seconda), altre, come il Brescia (ormai sicuro della retrocessione salvo colpi di scena), sono contrarie, mentre Torino e Milan, che hanno ben poco da chiedere al campionato in corso, sarebbero d’accordo a “chiudere tutto” e ripartire da zero con la prossima stagione.

I tifosi dell’Atalanta

Vediamo interessi diversi e contrapposti ma il campionato e le coppe devono ripartire, lanciando un segnale di speranza alla popolazione. Il calcio rimane, nonostante tutto, una passione, un divertimento che coinvolge milioni di tifosi che per novanta minuti dimenticano i loro problemi. Mai come oggi abbiamo necessità di tornare a una vita normale, anche grazie all’emozione che può darci una rete che si gonfia dopo un goal di Paulo Dybala.

Il governo e i ministri Spadafora e Speranza devono tenerne conto, la salute viene prima di tutto ma la ripresa del campionato di serie A sarebbe un passo importate, anche in tempo di pandemia.

P. Dybala
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa