GLADIUM I MIGLIORI STRUMENTI DA SCAVO

Paolo Cervesato ha realizzato un attrezzo unico nel suo genere e che darà molte soddisfazioni ai suoi fortunati possessori. Qualsiasi attrezzo da scavo, ricordiamo, va utilizzato in zone prive di restrizioni o divieti.

Ciao a tutti Amici,

Oggi vi vogliamo parlare di un argomento contiguo ai metal detector ovvero degli accessori con i quali un buon detectorista non può fare a meno. Iniziamo con le pale da scavo.

I neofiti del settore debbono sapere che un buon detectorista utilizza oltre al metal detector anche alcuni strumenti adatti a scavare per portare alla luce il target una volta rilevato dal vostro apparato. Alcuni utilizzano un coltello da scavo, altri preferiscono una piccozza e altri ancora la classica vanghetta. Personalmente preferiamo utilizzare una vanga o un badile di dimensioni ridotte per la comodità nell’atto dello scavo anche perché questi strumenti evitano di farci piegare la schiena o di inginocchiarci. Con i dolori a posteriori che ne conseguono.

Gli attrezzi da lavoro

Pratichiamo questo hobby da parecchio tempo e, come molte altre persone, abbiamo avuto modo di acquistare innumerevoli strumenti e di romperne altrettanti sia perché di scarsa qualità, sia perché il nostro modo di scavare non è dei più delicati.

Nel corso del tempo abbiamo trovato diversi ragazzi con la voglia di mettersi in gioco e creare qualcosa di molto particolare e che, a differenza di altri prodotti in commercio, sono veramente preformanti e anti-rottura. Un ragazzo che da un hobby ne ha tirato fuori un lavoro serio è Paolo Cervesato che, qualche anno, realizza arnesi praticamente unici nel loro genere e molto resistenti.  

Paolo Cervesato, il genio della vanga indistruttibile.

Il suo impegno e il nostro sostegno in uno con la volontà di creare un utensile veramente robusto e adattabile su ogni tipo di terreno, hanno dato vita ad un marchio che è diventato in poco tempo una garanzia: le pale e gli strumenti da scavo GLADIUM.

Nel 2007 in collaborazione con RRS Metal Detector è stato creato il primo modello di vanga ultra resistente dal peso di 1,6 kg testata appieno in molte situazioni critiche dove si è rivelata indistruttibile. Dopo un primo screening estremo è iniziata la produzione con tre tipologie di modelli.  

La pala da scavo ultraresistente.

Ora un po’ di dati tecnici ed info riguardo al prodotto:

Tutte le saldature vengono eseguite a TIG, acronimo di Tungsten Inert Gas, un procedimento estremamente affidabile ma di complessa e lenta esecuzione. Tutto nasce da un attento studio progettuale al CAD e che, escludendo il taglio laser, tutto il resto viene eseguito interamente a mano con la massima attenzione nei dettagli. Il materiale che viene utilizzato per la costruzione, acciaio inox ad altissima percentuale, è di produzione interamente italiana.

Su ogni vanga ci possono contare oltre 90 cm di saldatura realizzata goccia dopo goccia. Le giunzioni sono saldate da entrambi i lati e ogni bordo a contatto con la persona è rigorosamente smussato per non rovinare scarpe e, soprattutto, gli arti superiori. 

La classica moneta per fare gli esperimenti

Le vanghe prodotte come sono essenzialmente di tre tipologie:

La RESTRICTUS: è la vanga da scavo col più alto coefficiente di penetrazione.la sua forma rastremata permette di aggredire in profondità terreni di durezza estrema .Realizzata appositamente per la ricerca di monete e devozionali.

 La OPTIMUM: è la vanga da scavo di misura standard, non per questo meno performante, la sua sagoma affusolata permette una buona penetrazione sui terreni medio duri. Perfetta per ricerche generiche.

La MAXIMUS: è la vanga da scavo che presenta tutte le caratteristiche delle sorelle minori ma con la sua lama di misura generosa è perfetta per tutti i terreni sabbiosi, argillosi o umidi. Produce uno scasso abbondante e particolarmente indicato per la ricerca militare.

Alla fine della mia breve recensione vorrei ringraziare Paolo Cervesato per aver realizzato un attrezzo unico nel suo genere e di averci resi partecipi della sua geniale intuizione Se avete domande da porre potete andare a trovare Paolo sul suo sito . Arrivederci a presto. 

I dettagli del lavoro certosino

Alla prossima Recensione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa