Colpo gobbo alla ‘ndrangheta: in manette Rocco Morabito e Vincenzo Pasquino.

Gli investigatori italiani, americani e dell’Interpol hanno eseguito indagini certosine e degne delle migliori inchieste contro il crimine organizzato. I due latitanti, che hanno goduto di sostegno, coperture e complicità a livello internazionale, si sono arresi con i loro gregari senza opporre resistenza.

Il superlatitante della ‘ndrangheta Rocco Morabito, 54 anni, originario di Africo, è finito in manette in Brasile a seguito di un’operazione internazionale di polizia effettuata dai Ros, Dea, Fbi, Interpol e polizia federale brasiliana.

Rocco Morabito, “il re della coca di Milano”, era ricercato dal 2019 dopo l’evasione da un carcere uruguayano, è considerato il secondo latitante più pericoloso dopo Matteo Messina Denaro. L’uomo era il principale punto di riferimento dei cartelli del narcotraffico e gli investigatori hanno seguito le sue tracce in lungo e in largo per il Sudamerica.

L’oligarca della criminalità calabrese Morabito è considerato un esponente di spicco della cosca Morabito-Bruzzaniti-Palamara di Africo Nuovo (RC) e affiliato alla locale ‘ndrina di Volpiano (To). Il boss è stato condannato in maniera definitiva più volte per reati associativi e traffico di stupefacenti

Il materiale e soldi sequestrati al boss

Il boss, catturato a Joao Pessoa, capitale dello stato brasiliano di Paraiba, era già stato arrestato nel 2017 in Uruguay dopo 23 anni di latitanza ma due anni dopo era riuscito a fuggire dal carcere di Montevideo dove era in attesa di estradizione in Italia.

Con Morabito ed altri sodali più giovani è stato arrestato anche Vincenzo Pasquino, latitante originario di Torino, anche lui definito un delinquente di alto spessore criminale e inserito nella relativa lista dei 10 più pericolosi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa