CALTANISSETTA – NOTA BANCA RIFIUTA PRESTITO “CURA ITALIA” GIUDICE OBBLIGA IL PAGAMENTO ALL’IMPRENDITORE.

Il diniego della banca è stato bloccato dal giudice che, invece, ha ordinato all'ente creditore di erogare il prestito all'imprenditore in difficoltà. Il precedente potrà agevolare migliaia di piccole e medie imprese che arrancano per non chiudere i battenti.

Caltanissetta – Che fossero le banche le prime a negare alle imprese i vantaggi del Decreto Cura Italia non c’erano dubbi.  I dinieghi pare siano stati oltre il 90% delle richieste di prestito avanzate quasi esclusivamente da piccoli e medi imprenditori che hanno tentato di risollevarsi dopo la pandemia. Gli istituti di credito, invece di agevolare le aziende in difficoltà, hanno posto veti e difficoltà alla richiesta di soldi per altro avallati da una legge che tutela comunque chi eroga i fondi. A Caltanissetta il tribunale civile dato ragione ad un imprenditore, titolare di una piccola impresa, che si è visto negare 25 mila euro dalla sua banca.

Decreto Cura Italia per aiutare le imprese. Ma sono le banche che non sostengono le imprese.

L’istituto di credito, secondo quanto dichiarato dall’avvocato Giuseppe Giunta, che rappresenta l’imprenditore in ambasce, aveva opposto un generico veto poiché pare non vi fossero i requisiti per chiedere il prestito agevolato. Il giudice Francesco Lauricella, dopo l’analisi degli atti, ha emesso un’ordinanza con la quale ha ordinato alla banca di pagare immediatamente la somma di 25 mila euro, fissando l’udienza per la comparizione delle parti al fine di confermare, modificare o revocare l’ordinanza stessa:”…Per questa categoria di prestiti – ha evidenziato il legale di fiducia dell’imprenditore – non c’è valutazione del merito di credito, è sufficiente un’autocertificazione sui ricavi…”. Il provvedimento giudiziario può costituire un precedente per migliaia di titolari di aziende che si sono visti negare il sostegno economico dalle “loro” banche nonostante una legge dello Stato abbia stabilito l’esatto contrario.  

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa