HOME | LA REDAZIONE

Boom di firme per la nuova petizione: “Salviamo i macachi dalla sperimentazione”

Gli animalisti non mollano e chiedono la liberazione delle scimmie stabulati negli orribili laboratori di sperimentazione. E’ in corso una petizione che ha già registrato un enorme numero di firme a cui ci associamo. Nell’era del digitale e dell’alta tecnologia esistono altri metodi scientifici per studiare malattie e nuovi farmaci. Gli animali lasciamoli stare in pace dopo anni e anni di tormenti e sofferenze.

Roma – Dopo la notizia dell’apertura di un bando della Regione Emilia Romagna per promuovere la ricerca senza animali e superare la vivisezione, le associazioni animaliste Avi Parma, Meta Parma, Salviamo i macachi di Parma, si sono subito appellate all’Ente pubblico aprendo una petizione per chiedere la liberazione dei macachi stabulati nei laboratori di sperimentazione.

La petizione dal titolo “Appello alla Regione Emilia Romagna: liberate i macachi di Parma e di Ferrara“, è stata aperta il 7 maggio e in neanche due giorni è già a 1.500 sottoscrizioni, un vero e proprio boom di firme. Le associazioni animaliste Meta Parma e Avi Parma dichiarano:

“…Ci stiamo battendo da anni per la liberazione dei macachi di Parma, e purtroppo anche a Ferrara si sta sperimentando sui macachi. Per l’Emilia Romagna il passo più significativo verso una ricerca senza animali sarebbe liberare i macachi, che ricordiamo sono primati, creature sensibili e molto vicine e simili all’uomo, e proprio in virtù di questa loro somiglianza non possono continuare a rimanere negli stabulari

Nessun animale e nessuna creatura dovrebbe subire la sperimentazione in un laboratorio, gli animali soffrono, sentono il dolore sia fisico sia psicologico, sono esseri senzienti, non sono oggetti da usare come test da laboratorio

In questo caso si tratta addirittura di primati, ed è inaccettabile che nonostante la legge vieti di allevare cani, gatti e primati per la sperimentazione, non ci sia però una legge che vieti l’acquisto di questi animali dall’estero

Così ci ritroviamo con dei macachi stabulati nell’università di Parma e dei cani di razza beagle rinchiusi nei laboratori del centro sperimentale Aptuit di Verona, tutti animali fatti arrivare dall’estero. Se allevarli per la sperimentazione è reato, dovrebbe esserlo anche acquistarli dall’estero per lo stesso motivo… 

Ci appelliamo alla Regione Emilia Romagna, e alle Università di Parma e Ferrara, per far cessare immediatamente gli esperimenti sui macachi, in entrambi gli atenei. I macachi dell’Università di Verona sono stati liberati, così come quelli di Modena, rendiamo la libertà anche ai macachi di Parma e Ferrara…”.

Per spiegare perchè i macachi dovrebbero essere graziati e liberati, le associazioni Avi Parma, Meta Parma, Salviamo i macachi di Parma, si ricollegano al testo di una bellissima poesia di Gandhi, dal titolo “Prendi un sorriso“:

“…Prendi un sorriso, regalalo a chi non l’ha mai avuto. Prendi un raggio di sole, fallo volare là dove regna la notte. Scopri una sorgente, fai bagnare chi vive nel fango. Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha pianto. Prendi il coraggio, mettilo nell’animo di chi non sa lottare. Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla. Prendi la speranza, e vivi nella sua luce. Prendi la bontà, e donala a chi non sa donare. Scopri l’amore e fallo conoscere al mondo…”.

“…Facciamo in modo che nessuno debba più sentire sofferenza, costruiamo insieme un mondo di pace di gioia, un mondo migliore! Un mondo felice. Un mondo fatto di sorrisi, di solidarietà, di gioia, un mondo dove più nessuno sia lasciato solo. C’è bisogno di cuore nel mondo, per tutti, perchè la pace nel mondo inizia da noi stessi. Macachi liberi!..”. 

Firma anche tu la petizione: https://www.change.org/macachiliberi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Stampa