ARDEA – CAMPIONESSA DISABILE INSULTATA E MALMENATA. PICCHIATO ANCHE IL PADRE.

Un altro grave caso di intolleranza verso diversamente abili di nazionalità rumena. Stavolta è toccato ad una rappresentante azzurra del basket paraolimpico. Indagini per identificare gli aggressori.

Ardea – Insultata e aggredita per un posto auto riservato a disabili. Beatrice Ion, 23enne giocatrice della nazionale italiana di basket paraolimpico, romena di nascita, è stata vittima di un’aggressione fisica e verbale a sfondo razziale e discriminatorio giovedì sera nei pressi di Tor San Lorenzo, nel comune di Ardea, vicino Roma. A difenderla è intervenuto il padre, colpito dall’aggressore con una testata allo zigomo e trasportato poi in ospedale. “…Tornate a casa vostra….. handicappata di merda!”. Questo è solo uno dei tanti insulti razziali indirizzati alla giovane stella del basket paralimpico, ma poi i detrattori sono passati anche alle mani colpendo il padre della ragazza intervenuto in suo soccorso.

Beatrice Ion – campionessa Basket paralimpico

Ti potrebbe interessare anche——>>SARAJEVO – I FIGLI NATI DAGLI STUPRI DI GUERRA RIVENDICANO LEGITTIMITA’.

“…Vivo in Italia da 16 anni, ho la cittadinanza italiana e ho fatto qui tutte le scuole – ha scritto Beatrice sui social – sto continuando gli studi all’università, gioco a basket in carrozzina con la nazionale italiana e mi considero in tutto e per tutto italiana. Eppure, sono stata aggredita. Mio papà – aggiunge – è in ospedale probabilmente con uno zigomo rotto perché a detta loro siamo stranieri del c…o che devono tornare al loro Paese. Tralascio le offese che mi sono presa perché sono disabile… E non mi dite che il razzismo in Italia non esiste, l’ho vissuto oggi dopo 16 anni che vivo qui e fa molto male. A chi ci ha aggredito dico di vergognarsi, saremo anche stranieri ma abbiamo più dignità di loro e chi ha guardato tutto senza fare nulla si dovrebbe vergognare ancor di più...”.

Silvia Dumitrache, presidente Associazione Donne Romene in Italia.

Ti potrebbe interessare anche ———->>FAMIGLIE TRANSNAZIONALI E ORFANI BIANCHI

Sull’accaduto interviene anche la presidente dell’associazioneDonne Romene in Italia (ADRI) tramite la presidente Silvia Dumitrache che condanna le offese e le violenze nei confronti di Beatrice Ion e del padre.  “…Esprimiamo tutta la nostra indignazione – afferma Dumitrache – e rabbia per questi episodi di odio, violenza e ignoranza. Alla nostra connazionale Beatrice, che veste con orgoglio la maglia azzurra, al papà e a tutta la sua famiglia la nostra solidarietà e vicinanza…”.

Ti potrebbe interessare anche——–>>JASMINE: APOLIDE O CITTADINA ITALIANA?

CAREGIVER QUESTI SCONOSCIUTI: PER LO STATO SONO FANTASMI SENZA DIRITTI.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa