Tre femminicidi in 24 ore

Depressione in primis e gelosia sembrano essere i fili conduttori dei tre fatti di sangue che si sono consumati in Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia nel giro di 24 ore. La detenzione di armi, autorizzata o abusiva, continua ad essere al centro dell’attenzione. Ancora troppi pistole e fucili in giro e nel possesso di persone che hanno finito con l’usarli verso i propri cari.

La conta delle donne decedute per omicidio per mano dei propri partner aumenta in maniera esponenziale in questo ultimo scorcio d’estate agostana. Ad Acitrezza, in provincia di Catania, è morta Vanessa Zappalà, 26 anni, uccisa con diversi colpi di pistola la notte scorsa mentre passeggiava in compagnia di amici sul lungomare catanese.

A sparare sarebbe stato l’ex fidanzato della vittima, che è attivamente ricercato dai carabinieri. A Castello di Serravalle, nel bolognese, Mauro Bergonzoni, 77 anni, ieri pomeriggio ha tentato il suicidio dopo aver ucciso la moglie con un fucile da caccia, è in stato di arresto con l’accusa di omicidio.

L’uomo si trova ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna: è ancora in prognosi riservata e in condizioni gravi dopo l’intervento chirurgico al quale è stato sottoposto ieri. Per la moglie, Maria Rosa Elmi di 73 anni, all’arrivo dei soccorsi non c’era più nulla da fare. I carabinieri di Borgo Panigale indagano sulla vicenda coordinati dal Pm Marco Forte.

A Francolino di Carpiano, in provincia di Milano, un uomo di 70 anni, Salvatore Staltari, ha chiamato il 118 dicendo di aver ucciso moglie e figlia e di avere intenzione di togliersi la vita. Sul posto sono intervenuti, pochi minuti dopo, i carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese che hanno rinvenuto tre cadaveri, quello del 70enne con a fianco una calibro 44 magnum, quello di Catherine Panis, di origine filippina e della figlia Stefania di 15 anni.

Sul luogo del triplice fatto di sangue sono giunti anche i militari del Nucleo Investigativo di Milano e di San Donato Milanese con il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Lodi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa