LA GIUSTIZIA ARRIVA ANCHE DALL’EUROPA

Il caso di Oriol Junqueras, riabilitato dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea

Oriol Junqueras, leader degli indipendentisti e capo della Sinistra Repubblicana catalana, rinchiuso in carcere da quasi due anni, con perdita dei diritti civili, era stato condannato dalla Corte Suprema spagnola a 13 anni di carcere per il crimine di sedizione e per il suo ruolo nelle vicende legate al tentativo di secessione della regione catalana dal regno di Spagna.

Il carcere era stato comminato, oltre a Junqueras, a nove dei dodici imputati già in detenzione preventiva.
Poco dopo la diffusione del verdetto Junqueras aveva twittato: “Torneremo più forti, più convinti, più fermi di prima. Grazie a tutti e persistete, perché noi lo faremo sempre sempre”.

Così è andata: due giorni fa, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha accolto il ricorso dei suoi legali e dato ragione al leader indipendentista catalano, che quindi potrà raggiungere Strasburgo e Bruxelles e svolgere le funzioni che gli elettori gli hanno assegnato.

Per i giudici, i Parlamentari europei godono dell’immunità dal momento dell’elezione.
Se Madrid non ritiene che i loro eletti debbano godere dell’immunità deve fare una richiesta di esonero all’Europarlamento.
Ora Junqueras deve quindi essere rilasciato e poter partecipare alle riunioni del Parlamento europeo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa