HOME | LA REDAZIONE

Europol: scacco matto a Bitzlato. Riciclaggio di soldi “sporchi” in rubli

Un’operazione guidata dalle autorità francesi e statunitensi, e fortemente sostenuta da Europol, ha preso di mira la piattaforma di scambio di criptovalute Bitzlato.

Roma – Infrastruttura della piattaforma chiusa in Francia per presunto riciclaggio di beni criminali, con 6 persone prese di mira a Cipro, Spagna, Portogallo e Stati Uniti. L’exchange di criptovalute registrato a Hong Kong che opera a livello globale è sospettato di facilitare il riciclaggio di grandi quantità di proventi criminali e di convertirli in rubli. Le autorità incaricate dell’applicazione della legge hanno disattivato l’infrastruttura digitale del servizio, con sede in Francia, e interrogato i principali membri della gestione della piattaforma. L’operazione ha coinvolto anche le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie di Belgio, Cipro, Portogallo, Spagna e Paesi Bassi.  

Quasi la metà di tutte le transazioni Bitzlato sono legate ad attività criminali

Prendere di mira i facilitatori cruciali della criminalità come gli scambi di criptovalute sta diventando una priorità fondamentale nella battaglia contro la criminalità informatica. Bitzlato ha permesso la rapida conversione di vari cripto-asset come bitcoin, ethereum, litecoin, bitcoin cash, dash, dogecoin e USDT in rubli russi. Si stima che la piattaforma di scambio di criptovalute abbia ricevuto un totale di asset per un valore di 2,1 miliardi di euro (119.000 BTC). 

La crittoanalisi ha scoperto che la maggior parte delle transazioni sospette sono collegate a entità sanzionate dall’Office of Foreign Assets Control (OFAC), con altre legate a truffe informatiche, riciclaggio di denaro, ransomware e materiale pedopornografico. Ad esempio, le indagini hanno mostrato che 1,5 milioni di transazioni BTC sono state effettuate direttamente tra gli utenti di Bitzlato e l’Hydramarket, rimosso nell’aprile 2022. 

Questa piattaforma di scambio, disponibile sia in russo che in inglese, ha noleggiato server dedicati da una società di hosting in Francia. L’azione coordinata delle autorità giudiziarie e delle forze dell’ordine dei diversi Paesi coinvolti ha portato alla rimozione della piattaforma, al sequestro delle attività finanziarie presenti e ad ulteriori analisi tecniche.

Il percorso di riciclaggio del denaro “sporco”.

Risultati complessivi

  • 5 persone finora arrestate (1 a Cipro, 3 in Spagna e 1 negli Stati Uniti).
  • 1 persona interrogata in Portogallo.
  • L’amministratore principale arrestato negli Stati Uniti.
  • Amministratore delegato, direttore finanziario e direttore marketing arrestati in Spagna.
  • 8 perquisizioni domiciliari (4 in Spagna, 1 a Cipro, 2 in Portogallo, 1 negli Stati Uniti).
  • Rimozione dell’infrastruttura digitale del servizio, consentendo ulteriori analisi e indagini.
  • I sequestri includono portafogli crittografici per un valore di circa 18 milioni di euro in criptovaluta al momento della scrittura, veicoli e apparecchiature elettroniche.
  • Più di 100 account su altri exchange di criptovalute congelati, per un totale di 50 milioni di euro.
  • Crittoanalisi e coordinamento internazionale per scoprire collegamenti. Durante le prime fasi delle attività investigative, Europol ha facilitato lo scambio di informazioni, fornito supporto analitico collegando i dati disponibili a vari casi penali all’interno e all’esterno dell’UE e supportato le indagini attraverso l’analisi di milioni di transazioni in criptovalute
  • Il giorno dell’azione, Europol ha dispiegato sul posto 13 dei suoi esperti (10 in Francia, 1 a Cipro, 1 in Spagna e 1 in Portogallo) e ha sostenuto l’invio di investigatori nazionali in altri Paesi che partecipano alle attività operative. Europol ha sostenuto le autorità di contrasto coinvolte nel coordinamento relativo all’analisi delle criptovalute, al controllo incrociato delle informazioni operative rispetto alle banche dati di Europol e all’analisi operativa. In questo momento, già oltre 3.500 indirizzi bitcoin e oltre 1.000 dettagli utente Bitzlato hanno mostrato collegamenti con vari casi criminali segnalati nei sistemi di Europol. L’analisi di questi dati e di altri casi correlati dovrebbe innescare ulteriori attività investigative. 
  • Le forze dell’Ordine coinvolte
    • Cipro: Polizia di Cipro
    • Belgio: polizia federale (Federale Politie/Police Fédérale)
    • Francia: gendarmeria nazionale (Gendarmerie Nationale)
    • Stati Uniti: Federal Bureau of Investigation
    • Spagna: Guardia Civil (Guardia Civil) 
    • Paesi Bassi: polizia nazionale (Politie) e servizio di informazione e investigazione fiscale (FIOD)
    • Portogallo: polizia giudiziaria (Policia Judiciaria)
  • Autorità giudiziarie coinvolte
    • Belgio: procura federale (Parquet fédéral)
    • Francia: Procuratore di Parigi / JUNALCO (Parquet de Paris / JUNALCO)
    • Stati Uniti: Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (US DOJ)
    • Con sede a L’Aia, nei Paesi Bassi, Europol sostiene i 27 Stati membri dell’UE nella loro lotta contro il terrorismo, la criminalità informatica e altre forme gravi di criminalità organizzata. Europol collabora anche con molti Stati partner non UE e organizzazioni internazionali. Dalle sue varie valutazioni delle minacce alla raccolta di informazioni e alle attività operative, Europol dispone degli strumenti e delle risorse di cui ha bisogno per fare la sua parte nel rendere l’Europa più sicura.
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Stampa