E’ NATALE, E’ NATALE, SI PUO’ FARE DI PIU’…

Il 6 Dicembre si accenderà l’albero voluto dal Vaticano ma Francesco si è dimenticato di Pietro, di Giuseppe, Maria e persino del Santo Bambino. Perché non accendevano un presepe…

Eppure la sua rivoluzione ecologista radicale, tanto proclamata al Sinodo dei Vescovi, dedicato all’Amazzonia dove è in atto la strage di alberi che sta compromettendo gravemente l’equilibrio dell’ intero pianeta si chiude con un simbolico offertorio che sembrerebbe dedicato a Madre Natura.

 Ma alle parole talvolta stentano a seguire i fatti e nel video trasmesso dalla Rai, è possibile vedere come il magnifico albero venga tagliato e preparato per il sacrificio, già avvenuto.

 Le Encicliche siano manuali e non proclami. Non contestino questo video.

Se l’uomo è Custode del Creato, che sia Il Papa a dare l’ esempio con un gesto concreto e simbolico.

Metta fine alla tradizione che vede espiantare un albero per il periodo natalizio, se non erro il sinodo si è tenuto proprio in merito alla strage di alberi che ha messo in crisi l’intero Pianeta.

Potremmo volgere lo sguardo al presente e dedicare il Presepe, simbolo della Natività ed il successore di Pietro dovrebbe saperlo, alle città sommerse affinché siano da monito riguardo l’attuale crisi climatica/ambientale.

In foto il presepe sommerso a tre metri di profondità, si trova a Laveno: Statue a dimensione naturale ed un complesso sistema di illuminazione.

 Poiché se continuiamo a recidere gli alberi, simbolo di unione tra la Terra ed il Cielo, non resterà più nulla di Sacro su Pianeta Madre.

Salvarne UNO per salvarne MILIONI.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa