CUORGNE’ – E’ RITORNATA A CASA LA RAGAZZINA SPARITA NEL NULLA

Sempre più spesso giovani e giovanissimi fuggono da casa per poi tornare sui loro passi. Ad ogni sparizione si mette in moto un meccanismo costoso totalmente a carico dei contribuenti. Le forze dell'ordine potrebbero essere impiegate per compiti più utili alla collettività. Spetta ai genitori il controllo dei figli minori.

Cuorgné – In un periodo in cui la cronaca ci restituisce epiloghi tragici di persone scomparse, fortunatamente c’è una vicenda di sparizione a lieto fine: Sofia Maazzouz, la studentessa di 16 anni di origine marocchina fuggita da casa nella serata di lunedì 17 agosto è ritornata dai suoi cari. I genitori, preoccupatissimi, avevano sporto regolare denuncia di scomparsa presso la caserma dei carabinieri, oltre ad aver tappezzato le vie del comune canavanese con le foto della ragazza e diramato molteplici appelli sui social.

Nelle ricerche di scomparsi sono particolarmente impegnati i vigili del Fuoco in tutta Italia.

Sofia, che si era allontanata con pochi spiccioli in tasca, a seguito di un banale  litigio con i genitori che le avevano sottratto il cellulare per punizione il giorno prima dell’allontanamento, ha contattato i familiari sabato 22 agosto ed è rientrata la sera stessa. Pare che la sedicenne abbia trascorso i giorni scorsi presso amici. Finalmente i genitori possono tirare un sospiro di sollievo.

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

MESSINA – CINZIA DE LEO SCOMPARSA NEL RAPIDO VOLGERE DI QUALCHE ISTANTE

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa