CATANIA – LA MATTANZA PER ORDINE DEI CURSOTI MILANESI: 5 FERMI

Regolamento di conti fra bande concorrenti che si contendono il territorio per lo spaccio di droga e non solo. L'ordine di fare fuoco è arrivato da Milano.

Catania – È maturata nell’ambito di contrasti tra clan criminali opposti la sparatoria che l’8 agosto scorso ha provocato 2 morti e 4 feriti a Librino, uno dei quartieri più popolati e malfamati di Catania. Sotto i colpi d’arma da fuoco sono caduti il 48enne Luciano D’Alessandro e Vincenzo Scalia. La spedizione punitiva, che ha colpito alcuni degli affiliati al clan Cappello-Bonaccorsi, sarebbe stato ordinato dal clan dei Cursoti Milanesi.

Le vittime della sparatoria di Catania

Ti potrebbe interessare anche —->> SIRACUSA – SCACCO MATTO AL CLAN APARO. IN MANETTE NONNA ANTONIA, SALVADANAIO DELLA COSCA.

I carabinieri del nucleo investigativo di Catania, su disposizioni della Procura etnea, stanno ricostruendo il puzzle del fatto delittuoso di 6 giorni fa per il quale sono stati già eseguiti 5 fermi per il reato di duplice tentato omicidio, tentato omicidio plurimo. Due dei cinque fermati si sono costituiti nella sede del comando provinciale dell’Arma a piazza Verga. Sapevano che i militari dell’Arma li avrebbero presi da lì a poco così hanno deciso di consegnarsi spontaneamente. Dalla Procura di Catania spiegano che ulteriori dettagli sulla sparatoria di Librino, saranno comunicati all’esito dell’udienza di convalida del provvedimento

Ti potrebbe interessare anche —->>

FLORIDIA – CONCLUSA L’OPERAZIONE SAN PAOLO CON ALTRI DUE ARRESTI. DECAPITATO CLAN MAFIOSO.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa