CARONIA – AUTOPSIA VIVIANA PARISI: NULLA DI FATTO. FRATTURE COMPATIBILI CON UNA CADUTA DALL’ALTO.

L'esame autoptico non ha potuto accertare molto considerate le pessime condizioni del cadavere. Occorreranno novanta giorni per saperne di più ma è probabile che gli inquirenti arrivino prima alla verità.

Caronia – Le condizioni in cui era ridotto il cadavere di Viviana Parisi non hanno permesso di accertare cause e orario della morte. Oltre l’autopsia, che ha rivelato fratture in più parti del corpo e contusioni compatibili con una caduta dall’alto, dovranno essere eseguiti altri esami il cui esito sarà disponibile fra tre mesi. Dunque Viviana Parisi si è suicidata o sarebbe stata “suicidata? Le lesioni non escludono entrambe le ipotesi dunque le due anatomopatologhe e l’entomologo chiamati dalla Procura ad eseguire l’esame autoptico hanno bisogno di più tempo per rendersi conto di alcuni particolari che non collimano e che lasciano spazio a molti dubbi:

“…Adesso c’è tutto il lavoro di laboratorio, l’identificazione della specie, confronto con i dati termici e quindi si arriverà a una stima dei tempi del decesso – ha detto Stefano Vanin, perito che all’epoca si era occupato del caso di Yara Gambirasiosiccome non conosco le temperature della zona ancora non sono in grado di dare i tempi del decesso.Abbiamo chiesto 90 giorni per avere gli esiti. Ora raccoglierò i dati termici. C’è una fauna notevole che ora bisogna analizzare non si può dire se il corpo è stato spostato. Gli insetti presenti sono tipici di questo ambiente. È una specie che si trova un po’ dappertutto. Non farei alcun tipo di ipotesi a questo riguardo..”.

Gioele dove sei?

Ti potrebbe interessare anche —->> CARONIA – IL PICCOLO GIOELE DISPERSO TRA I FITTI BOSCHI DEI NEBRODI?

La dj scomparsa aveva seri problemi di salute e il periodo di restrizione domiciliare dovuta al Covid l’aveva duramente provata. Ansia e depressione pare si fossero impadronite di lei tanto che la donna temeva di essere seguita o pedinata da qualcuno che poteva esistere soltanto nella sua immaginazione. Oppure no. Mentre la Procura di Patti e la Prefettura di Messina rinnovano l’appello alle persone che possono sapere qualcosa o che avrebbero visto la donna con il bambino invitandole a farsi avanti anche in maniera anonima. Adesso il conto alla rovescia rimane per Gioele. Che fine ha fatto il bimbo

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa