La Carità unisce i popoli e promuove la pace

Milioni di persone vivono sotto la soglia della povertà. Sarebbe meglio dire che sopravvivono e fra queste ci sono milioni di bambini che abbiamo l’obbligo di aiutare. Un sostegno consapevole e condiviso che dobbiamo promuovere e divulgare affinché la carità non rimanga soltanto una parola al vento.

Roma – Oggi si celebra la Giornata internazionale della Carità istituita dall’assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre del 2012, con la risoluzione A/RES/67/105 che afferma come “la carità può contribuire alla promozione del dialogo tra persone di diverse culture e religioni, come pure la solidarietà e la comprensione reciproca”.

La data non è stata scelta a caso ma per commemorare l’anniversario della morte avvenuta nel 1997 di santa Teresa di Calcutta, premio Nobel per la Pace 1979. Non dovrebbe essere una giornata nazionale a ricordarci l’importanza della solidarietà globale per sconfiggere la povertà e del valore di donare, di privarci anche di poco di ciò che per noi è superfluo per il bene degli altri.

Viviamo la povertà come fosse una cosa lontana e ce ne ricordiamo solo quando ci viene sbattuta in faccia da immagini esplicite di associazioni umanitarie o dagli spot dell’8×1000. Non conosciamo la povertà: il nostro piatto è sempre colmo, la nostra casa è calda d’inverno e fresca d’estate il nostro armadio è pieno zeppo di vestiti adatti ad ogni stagione.

Milioni di persone non hanno niente di tutto questo, al contrario patiscono la fame e le intemperie. Quest’anno dovremmo celebrare questa giornata in piena consapevolezza e in maniera appropriata sensibilizzando tutti a compiere gesti di beneficienza in favore dei più deboli. Anche a seguito delle sofferenze causate dalla pandemia che hanno rincarato la dose sui più poveri e derelitti.

La povertà acuita dalla pandemia e da altre malattie

Ricordiamo che il cibo in abbondanza non è così scontato per tutti, non deve essere sprecato e va condiviso con i meno fortunati. Nell’inno alla Carità (prima lettera ai Corinzi) San Paolo di Tarso attribuisce alla carità un ruolo essenziale: “Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri, se dessi il mio corpo per essere arso, e non avessi la carità, non mi gioverebbe a nulla”.

La carità è generosità: suscita un vero legame sociale e concorre alla creazione di società inclusive e maggiormente resilienti. La carità è condivisione e può alleviare gli effetti peggiori delle crisi dell’umanità e rafforzare i servizi pubblici: sanità, istruzione, protezione minori, alloggi. Favorisce il progresso della cultura, della scienza, della protezione del patrimonio naturale e culturale.

La carità è benevolenza: diffonde messaggi umanitari nei territori di conflitto, promuove i diritti degli emarginati e dei diseredati e contribuisce al dialogo di tra persone di culture diverse.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa