Torino, 26 giugno 1983, il procuratore Bruno Caccia ucciso dalla ndrangheta: a ricordarlo è uno studente calabrese

#inostristudentiraccontanoimartiridellalegalità: continua l’iniziativa del CNDDU per non perdere la memoria.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

In occasione della commemorazione dell’assassinio del procuratore della Repubblica, Bruno Caccia, avvenuta il 26 giugno 1983 a Torino, il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, propone per ricordarlo il contributo del giovanissimo studente Nicholas Corrado classe III sez. C del Liceo scientifico “Filolao” di Crotone, che così scrive: 

“Il 26 giugno 1983, la città di Torino fu scossa da un atto di violenza che segnò una delle pagine più buie nella lotta dello Stato contro la criminalità organizzata. Bruno Caccia, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino, fu assassinato dalla ‘Ndrangheta. Questo tragico evento non solo spense la vita di un uomo incorruttibile, ma rappresentò anche un duro colpo per tutti coloro che credono nella giustizia e nella legalità.

Bruno Caccia dedicò la sua vita a combattere l’illegalità in tutte le sue forme. Iniziò indagando sulle violenze e sui pestaggi che caratterizzavano ogni sciopero dell’epoca. La sua azione investigativa si estese poi ai terroristi delle Brigate Rosse e ai traffici illeciti della ‘Ndrangheta in Piemonte, rivelando una determinazione e un coraggio che lo resero un bersaglio per le organizzazioni criminali.

La sera del 26 giugno, una domenica, Bruno Caccia aveva deciso di lasciare a riposo la propria scorta. Una scelta dettata forse dalla fiducia nella propria città, che si rivelò fatale. Alle 23:30, mentre portava a passeggio il suo cane, fu avvicinato da un’auto con a bordo due sicari. Senza scendere dal veicolo, gli spararono 14 colpi, e per essere certi della sua morte, lo finirono con tre colpi di grazia.

Le indagini iniziali puntarono sulle Brigate Rosse, in un periodo segnato dagli anni di piombo e dalla lotta al terrorismo. Tuttavia, la rivendicazione dell’omicidio da parte delle Brigate Rosse si rivelò presto falsa. La svolta arrivò grazie alla collaborazione di Francesco Miano, un boss della cosca catanese detenuto a Torino, che tramite i servizi segreti raccolse le confidenze di Domenico Belfiore, uno dei capi della ‘ndrangheta torinese. Belfiore confessò che fu proprio la ‘ndrangheta a decretare la morte di Bruno Caccia, poiché “con il procuratore Caccia non ci si poteva parlare”.

Le indagini di Bruno Caccia furono troppo incisive e pericolose per la sopravvivenza della ‘ndrangheta in Piemonte. Questo coraggio e questa dedizione alla giustizia costarono la vita a un uomo che non si piegò mai davanti alla criminalità. Nel 1993, Domenico Belfiore fu condannato all’ergastolo come mandante dell’omicidio, ma la ferita inferta alla giustizia italiana rimane ancora aperta.

Bruno Caccia non è stato solo un magistrato, ma un simbolo della lotta contro la criminalità organizzata. La sua memoria deve continuare a vivere nelle azioni di chi crede nella giustizia, nella legalità e nella dignità umana. Ricordare Bruno Caccia significa mantenere vivo l’impegno per un futuro libero dalle mafie, onorando il sacrificio di un uomo che ha dato la vita per i valori in cui credeva.”

Ricordare oggi la figura di Bruno Caccia a quarantuno anni dal suo omicidio nelle aule scolastiche significa far sventolare la bandiera della legalità e accendere nei cuori sentimenti di gratitudine per chi ha esercitato con onore il proprio ruolo e manifestato la propria responsabilità nei confronti della collettività. 

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani rileva come il progetto “#inostristudentiraccontanoimartiridellalegalità” stia diffondendo tra le giovani generazioni volti, storie, episodi veramente straordinari per la loro valenza educativa.

Prof. Romano Pesavento
Presidente CNDDU

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Stampa