TEKNETICS T2 PLUS POTENTE E PRECISO

Quando indica ferro è ferro e quando indica buono non sbaglia. Certo dovremo fare ancora molti test per poter godere di una conoscenza più approfondita della macchina ma possiamo dire sin d’ora che si tratta di un ottimo metal detector un po’ per tutte le esigenze.

Ciao Amici, ed eccoci al nostro solito appuntamento con una nuova recensione.

Oggi parliamo del TEKNETICS T2 PLUS.

Appena arrivato il pacco andiamo ad aprirlo per controllare il contenuto, questa versione che ci è stata inviata contiene alcuni gadget in più rispetto ad altre versioni base.

Subito troviamo il corpo macchina istallato su di un asta a S di un bel colore verde oliva, ai lati le due aste per l assemblaggio e in fine la piastra di 11 DD, come vi abbiamo annunciato prima in questa versione ci sono anche le cuffie con filo che hanno possibilità di sentire l audio in modalità stereo o mono e un Pin Pointer Tekpoint Pulse dello stesso colore del metal detector. Di questo ultimo parleremo nella prossima recensione.

Cominciamo con qualche dato tecnico:

Il metal funziona con 4 batterie da 1,5 volt si possono utilizzare anche le ricaricabili e la durata è di circa 40 ore di ricerca,

Il suo peso è di 1,6 kg ma ben bilanciati grazie all asta ad s e il vano batterie sotto il gomito.

Le aste sono in 3 parti per una lunghezza che va da 115 cm a 140 cm.

Funziona con frequenza VLF a 13 hertz

Possibilità di avere due modalità di ricerca: una discriminata e l’altra all metal .

E funzioni di Setting separati per ogni modalità.

Le funzioni e il display.

Iniziamo con la parte dietro del vano batterie aprendolo si possono inserire 4 stilo da 1,5 volt, sul lato sinistro proprio nel fianco del vano c è la rotella accendi/spegni e volume un po riparata in un insenatura sulla plastica cosi da non prenderci contro una volta regolata l intensità desiderata.

Passiamo al display molto semplice con un pulsante sulla desta per scorrere i menu principali e sulla sinistra una rotella per spostarsi nei sottomenu e regolare le impostazioni.

Sul monitor parendo dal basso abbiamo il menu all metal e discriminazione con i relativi sottomenù: regolazione della sensibilità, della discriminazione, della soglia del suono chiamata hum level, del bilanciamento in manuale e dei toni che su questo metal hanno una doppia funzione che dopo vi spieghiamo. Al centro del display c’ è l‘ID numerico del target e subito sulla destra troviamo l’indicatore della mineralizzazione; l’indicatore della carica della batteria al margine ….

Nella parte superiore ci sono le icone dell’indicazione dei target e la barra numerica dell ID dove appena il metal rileverà un oggetto apparirà in corrispondenza del materiale rilevato, una freccia. Ora vi spiegheremo come funzionano in questo metal detector gli OF TONES: questa opzione è molto importante perché oltre a modificare i toni nel detector, vanno anche ad aumentare o diminuire la velocità dei due processori e le relative prestazioni.

Modalità1: il metal detector emetterà un tono solamente e si consiglia per l’uso in campi arati o terreni rocciosi

Modalità 1+: sempre tono singolo ma a differenza dell’altro questo ha una variazione dell’intensità a seconda della profondità del target e della grandezza;

Modalità 2+: simile alla 1+ ma con due toni, uno per il ferroso che va da 40 a 0 e uno per il buono da 40 a 99 con intensità variabile;

Modalità 3: il ferro ha un tono basso mentre per alluminio e zinco abbiamo una tonalità media e per il nichel e le altre monete il tono sarà più acuto, questa modalità non è troppo profonda ma utilissima dove ci sia molta contaminazione;

Modalità 3b: modalità pensata per essere utilizzata in parchi o zone piene di tappi,la spazzolata va più lenta ma il tappo risponderà in maniera incostante alle passate;

Modalità 4: simile alla 3 toni ma con un tono in più;

Modalità DP: questa funzione consente un utilizzo del multi tono ottima anche questa per essere utilizzata su posti sporchi per chi vuole usare poca discriminazione per sentire tutti gli oggetti e le varie sfumature di suono;

Modalità BP: questa funzione attiva un boost deve essere utilizzata su terreni con vegetazione alta ove la piastra non si può tenere vicino al suolo o per avere un pò più di rilevazione in profondità su posti puliti con poco trash, richiede una spazzolata lenta e l’incremento è di circa un 25%;

Modalità all metal: questa funzione è la più profonda e precisa con possibilità di utilizzare la variazione del suono di soglia;

E come di consueto arriviamo ai famigerati test su terreno.

Ci rechiamo nel solito campo test con la moneta di Vittorio E. 10 cent, facciamo la prima buca a 25 cm, inseriamo la moneta di piatto e ricopriamo, naturalmente prima questa fase abbiamo testato la buca vuota se suonava ed eseguito un bilanciamento del terreno che dà valore ground 60 .

Cominciamo con la modalità discriminazione a 1 tono e la rileva perfettamente con valore id stabilissimo.

Facciamo poi in successione vari test ogni 5 cm quindi passiamo da 25 a 30 e poi 35 cm…

Sempre rilevata correttamente ma ai 35 cm in modalità disc comincia a fare fatica anche se notiamo   che comunque il valore id me lo indica a volte buono a volte no, a questo punto proviamo a mettere il BP che ci da un po più di potenza e infatti il target viene sentito meglio.

Proviamo ora a fare una buca più profonda fino a 39 cm e utilizziamo la modalità all metal, questa ò la più profonda e in fatti rileva bene in maniera sonora il target e a volte ci da l id numerico che varia di passata in passata ma comunque ci dà un valore scavabile.

Rimaniamo veramente sbalorditi dalle prestazioni di questo metal detector.

Continuano i nostri test con una piccola ricerca vera scavando un pò tutti i segnali girando un po le varie modalità, la cosa che ci lascia esterrefatti è la precisione sull’ID numerico, questo metal per quel poco che abbiamo potuto vedere è un cecchino.

Quando indica ferro è ferro e quando indica buono non sbaglia, certo dovremo fare ancora molti test per poter godere di una conoscenza più approfondita della macchina ma possiamo dire della nostra esperienza personale che è un ottimo metal detector e lo consigliamo a chi vuole una macchina stabile e silenziosa ma molto performante.

Volevamo ringraziare la Geotek Center di Terni che ci ha fornito questo splendido metal detector e vi ricordiamo che se volete seguire tutti i test eseguiti in video, potete seguirci sul Canale YouTube 

Appuntamento alla prossima recensione.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa