STRANI VIDEOGIOCHI… E SARDINE

Nessuno sa bene cosa sia il MES e intanto la politica istituzionale si finge morta come un opossum (finge?) e le piazze si riempiono. Fortunatamente non solo di acqua alta o macerie.

 Scrivere cialtronerie più o meno brillanti su quello che succede in giro sembra un passatempo tranquillo. In realtà sono 2000 caratteri, mica Twitter, eh. Quindi per non essere ripetitivi o perdersi dietro ogni più piccola minuzia si spera che succedano cose interessanti (ma non letali). È complicato parlare di crisi internazionali o catastrofi globali, ma la signora Pina che ha bruciato la torta a Cernusco, ci dispiace ma non è interessantissima… una via di mezzo?

 La politica italiana, uno spera nella politica italiana. Ma questa settimana non è successo nulla. Sì, il MES, ma nessuno sa bene cos’è, molti probabilmente pensano sia un videogioco, si critica per tifoserie. E comunque sottotono, tutti cercano di non farsi notare? Il Movimento 5 stelle ha firmato il MES, ma scosso dalle crisi d’identità, di nervi e pure ipoglicemiche, corre dietro a qualunque sbuffo dell’ex allegato leghista implorando affetto o Nutella, e il resto tace, come al solito. Palle di sterpi rimbalzano nelle aule vuote del PD. Almeno Renzi con le sue smanie e i suoi capricci li teneva un po’ vivaci.

 Insomma, la politica istituzionale si finge morta come un opossum (finge?), ma intanto le piazze si riempiono, fortunatamente non solo di acqua alta o macerie.

Pacate, noiose, quantomeno un po’ confuse sardine se la prendono con l’ex ministro dell’Interno e quello che rappresenta in fatto di menzogna sistematica e monetizzazione della paura. Afflitti da una qualche cecità selettiva sembrano ignorare che lo stato pietoso del dibattito pubblico sui diritti umani è stato preparato prima dal PD e continua ancora adesso anche grazie al PD, diventando così un notevole, pionieristico caso di movimento di piazza contro un mentecatto all’opposizione.

 Fa bene e rassicura trovare un solo nemico, ma è semplicistico. Nella sua insufficienza un po’ supponente almeno bonifica l’aria dalla mefitica bugia di un Paese uniformemente leghista.

Nello stesso tempo è difficile fare un discorso contro un intero sistema, che perde sempre più pezzi e buona fortuna a trovare i ricambi a prezzi stracciati per il Black Friday.

Impariamo a usare meglio quello che abbiamo, che governi disastrosi e consumismo sfrenato hanno conti salati da pagare.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa