SI AL MES GIOCANDO IN CASA

Il MES è un meccanismo volto a mantenere la stabilità finanziaria della zona euro, regolato dalla legislazione internazionale. Chi garantirà che non lo pagheremo a caro prezzo?

Gli europarlamentari, in occasione del consenso sul MES, votano male, facendo vergognare tutti gli italiani. Invece di essere uniti per dare un’immagine di compattezza e linearità governativa giocano al “distinguo” per evidenziare, a torto, le diversità tra schieramenti e partiti. Insomma tutti contro tutti, senza alcuna differenza tra i due versanti politici, così ognuno vota secondo la propria “strategia elettorale da spendere sui social”. Nell’ala governativa, PD, Italia Viva e M5S si dividono al Parlamento UE sulla legge a favore dell’attivazione del MES e votano rispettivamente a favore il PD e IV, mentre il M5S è contrario all’attivazione gratuita del MES. Dall’opposizione, la Lega e Fratelli d’Italia votano contro come i pentastellati, mentre a favore decide Forza Italia, così la risoluzione è approvata con 523 sì, 145 contrari e 17 astensioni.

Il Meccanismo Europeo di Stabilità è uno strumento di garanzia per l’euro e per i Paesi colpiti da crisi asimmetriche, pertanto non si capisce perché demonizzarlo. Tanto più ora, che è stato alleggerito dalle condizioni capestro per utilizzarlo. La nuova versione permette di trarne vantaggi, dato che l’unica condizione a tasso zero è che i finanziamenti vadano alla “salute”.

523 sì, 145 contrari e 17 astensioni. Mes ok?

Le previsioni sono concordi: l’emergenza sanitaria si tramuterà in una pesante recessione globale e gli Stati, Europa compresa, si stanno dando da fare per sostenere le economie. Pertanto è apparsa strumentale e perdente la linea politica intrapresa dai partiti del “no aiuti europei”. La pandemia ha messo con le spalle al muro l’economia italiana (e più in generale quella del mondo) e ha spinto a riflettere sui possibili aiuti di natura europea in arrivo.

Le discussioni non sono mancate, soprattutto nell’ultimo Eurogruppo che ha concordato l’utilizzo dello strumento senza condizioni. Il MES è nato nel 2012, in sostituzione del Fondo europeo di stabilità finanziaria e del Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria. Esso è, di fatto, il fondo monetario del Vecchio Continente, avente l’obiettivo di dare sostegno ai Paesi membri, in caso di crisi e di probabile default.

Ad oggi il MES ha “salvato” Cipro, Spagna e GreciaL’Italia, dal canto suo, è una delle maggiori sostenitrici del fondo salva-Stati. Più di noi infatti, in base ai risultati del PIL del 2010, hanno contribuito solo Germania e Francia. Anche per questo è oggi più che mai utile capire cos’è il Meccanismo Europeo di Stabilità, come funziona e perché la riforma del fondo salva-Stati potrebbe danneggiare, almeno secondo alcuni, proprio il Bel Paese.

La Banca centrale europea ci presenterà il più salato dei conti?

Il MES è stato istituito grazie alle modifiche apportate al Trattato di Lisbona, ratificate dal Consiglio UE nel marzo del 2011. L’entrata in vigore del fondo salva-Stati, prevista inizialmente per il 2013 è stata anticipata al luglio del 2012 a causa di una crisi del debito sempre più pressante (governo Monti). Il MES, pertanto, è un meccanismo volto a mantenere la stabilità finanziaria della zona euro, regolato dalla legislazione internazionale e, come organizzazione, ha una propria sede a Lussemburgo.

L’organizzazione raccoglie fondi volti a sostenere i membri che ne fanno parte, ovvero gli Stati che hanno adottato l’euro come moneta unica e che in un determinato periodo si trovano in forte difficoltà. In queste condizioni di emergenza economica, l’Italia, per non affondare e per dare una mano alle imprese, deve prendere tutte le risorse messe a disposizione dall’Europa, comprese quelle del fondo salva-Stati, proprio perché gli investimenti sulle spese sanitarie sarebbero senza condizionalità. Alcuni leader, purtroppo, come quelli di Lega e FdI, affrontano la questione a scapito degli interessi nazionali e investono le proprie energie sperando che il governo cada.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa