RIABILITAZIONE PER AFFRONTARE IL RECUPERO MOTORIO E RESPIRATORIO NELLA CONVALESCENZA POST COVID-19.

Il virus può fare danni anche dopo aver superato la fase acuta, addirittura anche dopo la guarigione. Un bravo medico ci dice come affrontare il ritorno a casa.

Come sappiamo l’emergenza Coronavirus ha costretto quasi tutte le principali strutture sanitarie italiane ad aumentare i posti in terapia intensiva. Secondo l’ultimo bollettino della Protezione Civile sono stati oltre 2 mila i pazienti che hanno manifestato non solo problemi respiratori ma anche muscolari, ed oltre l’80% di questi è dovuto ricorrere all’intubazione. Per questo il dottor Ingmar Angeletti, fisioterapista presso il Rhiabilita Medical Center di Alzano Lombardo (Bg), nel cuore del focolaio bergamasco, suggerisce di eseguire precisi test dinamometrici e valutazioni muscolari oltre ai necessari controlli periodici per poi svolgere in maniera cauta esercizi fisici senza provocare affaticamento:

“…I lunghi periodi di allettamento dei pazienti finiti in terapia intensiva – spiega Angeletti – rappresentano una delle principali problematiche da affrontare nel post epidemia. Occorre che recuperino il più in fretta possibile tutte le funzionalità in ambito motorio, per far fronte al decadimento muscolare e respiratorio. Per questo consiglio di effettuare precise valutazioni dinanometriche, test isocinetici e di controllare le retrazioni muscolo-tendinee oltre a farsi seguire in maniera attenta da professionisti in ambulatorio. Compiere esercizi fisici a casa, senza provocare affaticamento, può andar bene solo se prescritti da personale esperto. Un grande aiuto arriva anche dalla laserterapia e in particolare dalla tecnologia Theal Therapy che, grazie al processo di fotobiomodulazione rigenerativa, favorisce il recupero dalle lesioni cutanee e dei tessuti sottostanti, eventi purtroppo comuni tra chi ha dovuto combattere il Covid…”.  

Attrezzature per la riabilitazione

Quali sono le problematiche più diffuse che interessano i pazienti ricoverati in terapia intensiva? Secondo una ricerca americana pubblicata dalla World Health Organization (Who) su Science Daily al primo posto vi è la perdita dell’olfatto e del gusto che provoca nel 65% dei pazienti uno stato confusionale e un senso di disorientamento. A seguire vi sono le lesioni da pressione che interessano cute e tessuti sottostanti, dovute alla pressione esercitata dalle intubazioni, come naso, fronte e zone sacrali, e il deficit del sistema nervoso periferico e centrale. I “guariti” mostrano anche segni di astenia, problematiche muscolo-scheletriche e sintomi da disturbo neuropsicologico. Per questo motivo diventa fondamentale un processo di riabilitazione attento e graduale che possa consentire il pieno recupero funzionale.

La terapia

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa