Nuovi attriti fra Cina e Taiwan: no ai vaccini Usa

La Repubblica popolare cinese non si smentisce nemmeno quando si parla di vaccini. L’offerta americana di fornire 750mila dosi di siero a Taiwan deve essere rifiutata secondo il governo di Pechino che definisce secessionista la popolazione dell’isola indipendente

La Cina rivendica Taiwan come suo territorio di sovranità nazionale e come parte dell’integrità territoriale. Da anni Taiwan, piccola isola vicina alla costa cinese, con un governo democraticamente eletto, si dichiara indipendente dal regime di Pechino e prospera con la sua indipendenza formale diretta dalla presidente Tsai Ing-wen.

Xj Jinping

Con la Cina però non si scherza e la disponibilità di Washington a fornire 750.000 dosi di vaccino a seguito della visita di tre senatori americani a Taiwan, non è passata inosservata alla grande nazione di Xj Jinping.

La Cina ha inviato una protesta formale agli Usa per fermare ogni contatto ufficiale con Taiwan, onde evitare ripercussioni sui rapporti Cina-Usa e la destabilizzazione degli equilibri nello stretto di Taiwan a seguito dell’intervento statunitense.

Tsai Ing-wen

Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha sollecitato formalmente gli Stati Uniti ad astenersi dal “mandare messaggi sbagliati alle forze secessioniste” e a rispettare il principio dell’unità cinese che, secondo il governo della Repubblica popolare, include Taiwan. Pura follia.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa