HOME | LA REDAZIONE

Brescia – Trafficano rifiuti tossici, tra loro anche 2 imprenditori

Stanato un commercio illecito di batterie al piombo esauste per l’ingente quantitativo di oltre 5.000 tonnellate: 6 persone fanno parte di un gruppo di nomadi residenti in provincia di Piacenza.

Brescia – I carabinieri forestali delle Stazioni di Vobarno e Marcheno, al termine di un’articolata indagine iniziata nel luglio 2020 coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica dott.ssa R.P., hanno proceduto, con il supporto di personale del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale dei Carabinieri Forestale di Piacenza, a notificare l’avviso di conclusioni delle indagini preliminari emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia a carico di 9 persone, ritenute responsabili a vario titolo per i delitti di ricettazione e attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, commessi a partire dal 2017.

L’attività investigativa ha consentito di individuare 6 soggetti, tutti appartenenti a un medesimo gruppo di nomadi residenti in provincia di Piacenza, titolari di altrettante imprese fittizie formalmente operanti nei settori dell’autotrasporto e del commercio di autoveicoli, i quali in realtà svolgevano attività di raccolta, trasporto, stoccaggio e intermediazione di rifiuti speciali pericolosi – classificati tossico-nocivi ed ecotossici – costituiti da batterie al piombo esauste, per l’ingente quantitativo di oltre 5.000 tonnellate, il tutto in assenza delle necessarie autorizzazioni.

Tali batterie venivano stoccate presso vari campi nomadi situati in numerose località delle province di Piacenza, Parma, Brescia, Bergamo, Milano, Como, Monza e Brianza, Cremona, Varese, Pavia, La Spezia, Massa Carrara, Lucca e Pisa, per poi essere rivendute illegalmente a terze aziende operanti nel settore del recupero di rifiuti, nella totale elusione del sistema di tracciabilità obbligatorio previsto dalla legge e fruttando profitti illeciti per un importo di oltre 5 milioni di euro.

Il titolare di una società ubicata nel Comune di Collebeato (BS) è indagato per il reato di ricettazione poiché è risultato essere il principale acquirente di tali batterie, che riceveva senza rispettare le norme di sorveglianza radiometrica obbligatoria, pur essendo consapevole della loro origine delittuosa: di tale accusa dovrà rispondere anche un dipendente della ditta, che si occupava di prelevare i rifiuti stoccati presso i vari campi nomadi mediante l’autocarro aziendale, accompagnandoli con formulari di trasporto falsi.

Quest’ultima società si riforniva altresì illecitamente di batterie esauste presso un ulteriore soggetto operante nel Comune di Gussago (BS), titolare di due ditte formalmente dedite alla vendita di carrelli elevatori, anch’egli denunciato in quanto effettuava attività di recupero di veicoli fuori uso in assenza delle necessarie autorizzazioni e stoccava i rifiuti decadenti da tale attività all’interno di un piazzale occupante una superficie di circa 1.500 mq, che è stato sottoposto a sequestro.
I carabinieri forestali, all’atto della notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari, hanno altresì proceduto ad eseguire ulteriori accertamenti a carico degli stessi soggetti all’esito dei quali sono state elevate sanzioni amministrative per un importo di oltre 40.000 euro.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Stampa