ASTROLOGIA E NAZISMO

L’importante ruolo svolto dagli astrologi nell’ascesa del terzo Reich, raccontato in un libro di Thomas Molteni

Thomas Molteni, noto storico ed astrologo, ha recentemente pubblicato un testo di un certo interesse: “Astrologia e Nazismo, il pianeta che sconfisse Hitler”. Si tratta di un lavoro prodotto all’esito di un’approfondita ricerca storico-astrologica, legata alle motivazioni della disfatta del terzo Reich.

Molteni ci racconta come i nazisti si servirono dell’astrologia per raggiungere il potere e dominare il mondo. Furono infatti molti gli astrologi che coadiuvarono l’ascesa del regime nazista, offrendo altresì un costante supporto durante le azioni belliche, in guerra.

Si tratta di un’indagine sulle origini esoterico-astrologiche del nazismo, studiate all’epoca anche dagli alleati, per comprendere le mosse del Reich, tentare di anticiparle e, comunque, contrastarle.

In un momento ben preciso del conflitto, però, tutto questo terminò e gli astrologi furono rinchiusi nei campi di concentramento. Cosa accadde? Un nemico inaspettato, misterioso e nascosto aveva minato le loro certezze. Il resto lo potrete scoprire leggendo il libro.

Thomas Molteni, laureato in lettere con indirizzo storico a Milano, studia storia e astrologia da venticinque anni, collabora con la rivista di storia on line, Storia in Network, per la quale ha pubblicato numerosi articoli di storia medioevale, moderna e contemporanea, con particolare attenzione alla storia militare.

Ha partecipato, con le sue ricerche e approfondimenti, al Congresso astrologico di ottobre, dal 2012 al 2019, e al Congresso morpurghiano di primavera.

Collabora costantemente con le riviste astrologiche Sirio e Astrella e con le riviste della catena DMedia Group, confezionando articoli di astrologia storica e geografica. E’ attivo da anni con l’associazione filantropica “Una mano dalle stelle”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa