A PROCESSO I MINORENNI CHE AVEVANO AGGREDITO SU UN BUS UNA COPPIA LESBICA

la vicenda di Melania Geymonat e della sua compagna, prese a pugni perché omosessuali.

A Londra, Melania Geymonat, 28 anni, e la sua ragazza Chris sono state prese di mira da un gruppo di teppisti minorenni, su di un autobus notturno a due piani, dopo aver rifiutato di baciarsi dietro le richieste degli aggressori, presenti anch’essi sul mezzo di trasporto. Tre adolescenti, di 15, 16 e 17 anni, hanno ammesso il fatto e sono stati convocati in tribunale: in un primo momento avevano negato le accuse e si erano dichiarati innocenti. Durante il processo, il procuratore, Saira Khan, ha ricostruito la vicenda: i ragazzi hanno ricoperto ruoli diversi durante l’aggressione, durata nove minuti e consumatasi all’alba. Il gruppo aveva iniziato a molestare le due donne mentre viaggiavano da West Hampstead a Camden Town, lo scorso 30 maggio.

Quando gli adolescenti hanno scoperto che le donne erano una coppia omosessuale, hanno preteso che si baciassero davanti a loro e, di fronte al rifiuto, le hanno aggredite prendendole a pugni. Entrambe le donne sono state portate in ospedale con numerose lesioni al volto. Melania Geymonat, originaria dell’Uruguay, ha così riportato i fatti:

“Hanno iniziato a comportarsi in maniera violenta, pretendevano che ci baciassimo, volevano guardarci. Ci chiamavano lesbiche e mimavano sguaiatamente atti sessuali. Chris ha anche fatto finta di essere malata, ma hanno continuato a molestarci e a lanciarci monetine in segno di spregio. Dopo di che ci hanno prese a pugni. Ho avuto le vertigini alla vista del mio sangue e sono caduta all’indietro. Non ricordo se ho perso conoscenza o meno”.

Il 7 giugno, la piattaforma gofundme.com ha iniziato una raccolta fondi per risarcire, almeno in parte, le spese mediche delle due donne.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa